C’è qualche cosa in te, Enrico Montesano torna in Rai dopo il flop di Fantastico Enrico del 1997

C’è qualche cosa in te, Enrico Montesano torna in Rai dopo il flop di Fantastico Enrico del 1997

Rai, Enrico Montesano in C'è qualche cosa in te: lo spettacolo su Rai 1 il 21 agosto 2015, dopo 18 anni da Fantastico Enrico (1997)

    Enrico Montesano torna in Rai dopo 18 anni e il flop di Fantastico Enrico del 1997. C’è qualche cosa in te è infatti la puntata spettacolo in onda stasera 21 agosto 2015, in prima serata su Rai 1 (dalle ore 21.20). A circa vent’anni dall’ultimo show – Enrico Montesano fu sostituito da Giancarlo Magalli dopo un addio al programma pare condiviso con la Rai – l’attore romano torna in onda sul primo canale del Servizio pubblico con una commedia teatrale da lui firmata; un musical che lo vede anche protagonista: Nando è un uomo che lotta contro tutto e tutti pur d’impedire che il teatro calcato per una vita intera diventi un arido centro commerciale.

    Di recente, Enrico Montesano è apparso proprio su Rai 1 come giurato-ospite di Forte Forte Forte, il discusso talent show portato in televisione da Raffaella Carrà. Se però alla Pelloni nazionale non ha portato troppo bene, per Montesano, complice il dialogo disteso con il direttore di Rete Giancarlo Leone ha portato ad un esito più che positivo.

    Dopo l’esperienza di Fantastico Enrico del 1997 – Montesano lasciò il programma dopo varie puntate con ascolti negativi da record – l’attore ritorna in Televisione e affida al pubblico il compito di promuoverlo dopo tanti anni di assenza dal piccolo schermo, o di ri-bocciarlo, come successo tempo fa.

    Del ‘debutto’ nell’estate 2015? Enrico Montesano pare proprio non essere spaventato, né per gli ascolti né per i gusti del pubblico, ampiamente mutati rispetto alla televisione degli anni ’90:

    ‘[...] Io credo andrà bene: la televisione moderna ci ha abituati a quiz e litigate, ma oltre ciò c’è dell’altro.

    E i miei ‘tutto esaurito’ a teatro fanno ben sperare. Ora, però, come si dice a Roma, c’ho strizza’, fa sapere intervistato dal quotidiano Libero.

    359

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI