Bunga Bunga, Ferrara: “Ruby come la Maddalena”

A Qui Radio Londra del 15/3/2011 Giuliano Ferrara difende Ruby e attacca gli italiani dal cuore di pietra che scagliano contro di lei la prima pietra: Ruby come la Maddalena

da , il

    Gli sviluppi del caso Ruby, pubblicati ieri sulla stampa con ampie e dettagliate descrizioni su come si svolgevano le serate del Premier a base di Bunga Bunga, rimbalzano nella rubrica quotidiana di Giuliano Ferrara, Qui Radio Londra, che non ha perso l’occasione per farne oggetto della puntata di ieri. L’ira di Ferrara è rivolta agli italiani dal cuore indurito, che non hanno remore a scagliare la prima pietra contro chi ha peccato: e Ruby viene paragonata alla Maddalena, che Gesù difese e perdonò. Paragone alquano periglioso. In alto il video.

    Nella seconda puntata di Qui Radio Londra, la rubrica post Tg1 delle 20 dell’Elefantino, Giuliano Ferrara si dice “furibondo” per il trattamento riservato dai cittadini di Maglie a Ruby Rubacuori, oggetto di un’aggressione verbale. Il video gli ha rovinato una giornata, a suo dire, iniziata benissimo (il terremoto in Giappone e il rischio nucleare evidentemente non lo scalfiscono). A scatenare la sua ira l’aver constatato che in Italia “c’è chi ha scambiato il proprio cuore di carne con un cuore di pietra“.

    Non c’è pietà, insomma, per una ragazza come Ruby che ha avuto “un’infanzia complicata, dalla quale si è emancipata attraverso il proprio corpo“, caduta in “un giro di ragazze con le quali Berlusconi, nella sua vita privata, ama intrattenersi“. Stando alla sua arringa, un atteggiamento così rabbioso nei confronti della 18enne si può far risalire alla crisi economica, alle difficoltà lavorative, alla mancanza di stabilità, ma nulla a suo avviso può giustificare che “il rancore, il disprezzo possa trasformarsi in cuori di pietra“. Contestazioni come quella di cui è stata ‘vittima’ Ruby (che intanto viene invitata a destra e a manca, tra ospitate in discoteca e balli di gala) “succedono nel paese dei talebani, succedevano nel Seicento contro le adultere. Io non ce l’ho con loro, con questi sciagurati e disgraziati che a Maglie hanno inveito contro questa ragazza. Ce l’ho con chi li eccita“, dice Ferrara.

    La chiosa, poi, è degna dei migliori pulpiti: “Gesù di fronte a una folla che voleva lapidare un’adultera, disse ‘chi è senza peccato scagli la prima pietra’. Nessuno scagliò la pietra e l’adultera fu congedata da Gesù con le parole “va e non peccare più“. In attesa che qualcuno si vesta dell’autorità del figlio di Dio (vuol forse farlo Ferrara?) noi restiamo senza parole: con Qui Radio Londra di ieri ‘chiude’ idealmente il ciclo aperto da Signorini con l’intervista a Kalispèra: lì Ruby era una martire, degna della beatificazione, ora viene eletta a Maria Maddalena. Beh, il titolo di ‘vergine’ Maria però è davvero complicato da ‘regalarle’.