Bryan Fuller parla di Heroes

Bryan Fuller ha confermato la cancellazione di Pushing Daisies, cosa che - dopo il licenziamento di Jeph Loeb e Jesse Alexander da Heroes, potrebbe aprirgli le porte della serie della NBC…ma in che ruolo?

da , il

    bryan fuller

    Bryan Fuller ha confermato la cancellazione di Pushing Daisies, cosa che – dopo il licenziamento di Jeph Loeb e Jesse Alexander da Heroes, potrebbe aprirgli le porte della serie della NBC…ma in che ruolo?

    Ufficialmente, come ha spiegato lo stesso Fuller ad IGN, non c’è nulla, perché sebbene i critici ‘preghino’ per il suo ritorno sin da quando Heroes ha cominciato ad avere problemi (Fuller, lo ricordiamo, è stato sceneggiatore della prima stagione, in particolare dell’episodio “Company Man”, giudicato tra i migliori della serie), fino alla consegna dei tredici episodi di Pushing Daisies, Fuller è impegnato con la ABC.

    Per Heroes di ufficiale non c’è nulla, perché fino alla consegna del tredicesimo episodio – che avverrà a gennaio – sono legato a Pushing Daisies. Ma mi piacerebbe molto tornare ad Heroes, e aiutare il team a finire la stagione e vedere cosa mi aspetta nel futuro“.

    Ma in quale ruolo tornerà Fuller? Lo stesso creatore di Pushing Daisies dice di non averne idea, “so solo che mi piacerebbe molto lavorare di nuovo con loro, e – da quello che ho letto del prossimo volume, Fugiteves, penso sarebbe molto eccitante tornare a lavorare nello show, perché Fugitives torna alle origini, a ciò che ha reso Heroes un successo. Ma ovviamente le emozioni sono mescolate, perché amerei tornare al lavoro con le persone di Heroes, ma voglio anche continuare a lavorare con le persone che amo qui in Pushing Daisies“.

    Ed interpellato in merito a tutte le critiche che Heroes ha ricevuto quest’anno, Fuller ha spiegato che “lo show ha una sua entità, le storie vengono narrate in differenti capitoli, che possono piacere o meno. Ma se un capitolo non ti piace, non significa che anche il prossimo sarà brutto lo stesso, perché l’idea è appunto questa, raccontare diverse storie in diversi capitoli. Così ‘Villains’ è diverso da ‘Fugitives’, ‘Generations’, ‘Genesis’, e se vi piace lo show, troverete qualcosa di buono anche nei suoi capitoli“.