Braccialetti Rossi 2, la seconda stagione si farà: le prime anticipazioni [FOTO]

Braccialetti Rossi 2, la seconda stagione si farà: le prime anticipazioni [FOTO]

Braccialetti Rossi 2, la seconda stagione si farà: le prime anticipazioni

da in Fiction italiane, Rai, Rai 1
Ultimo aggiornamento:

    La fortunata fiction Braccialetti Rossi avrà una seconda stagione: la conferma arriva dal produttore Carlo Degli Esposti, intervistato nei giorni scorsi dal Corriere della Sera in occasione del lancio del libro di Albert Espinosa da cui è tratto Polseres vermelles, il format spagnolo poi sbarcato anche in Italia – e prossimamente in America. E ci sono già le prime anticipazioni

    Abbiamo iniziato a scriverla, sarà girata nello stesso agriturismo in Puglia, con lo stesso regista Giacomo Campiotti e crescerà con gli stessi ragazzi protagonisti delle prime sei puntate”. Così Carlo Degli Esposti annuncia la seconda serie di Braccialetti Rossi, fiction chiusasi ieri sera che è un successo di pubblico e, caso raro per la Rai, un pubblico giovanissimo: “Tenendo conto che la media abituale degli spettatori di RaiUno è ove 60 – spiega il produttore – è evidente che esiste la possibilità di svecchiare la platea delle reti generaliste. Non serve fare convegni per interrogarsi su come attrarre pubblico giovane, basta realizzare prodotti mirati“.

    Siccome squadra che vince non si cambia, insomma, anche l’anno prossimo ritroveremo il Carmine Buschini (Leo), Aurora Ruffino (Cris), Brando Pacitto (Vale), Pio Luigi Piscicelli (Toni) e Lorenzo Guidi (Rocco), ma non è escluso anche un ritorno di Mirko Trovato: il suo Davide, è morto nel corso della quarta puntata dopo un delicatissimo intervento d’urgenza, ma si pensa ad un ritorno sottoforma di fantasma, e part time, visto che il personaggio era un beniamino del pubblico (il ‘trucco’ è stato adottato anche nella versione spagnola).

    E da fanpage.it arrivano le dichiarazioni dello sceneggiatore Sandro Petraglia:

    Stiamo parlando di fare una seconda serie, però bisogna scriverla prima. Non è tanto facile dare un seguito a questa cosa, quei personaggi che hanno vissuto l’esperienza della malattia e già ne sono usciti, adesso è molto difficile farli rientrare. Mi sembra che si dia un’indicazione cupa, è come dire che la malattia non finisce mai. Insomma, vediamo.

    Sicuramente la faremo perché è anche il desiderio del pubblico. Quando si hanno questi successi, arrivano lettere, c’è un calore che senti e che ti fa venir voglia di andare avanti. Però vogliamo far bene“.

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fiction italianeRaiRai 1
    ALTRE NOTIZIE