Boss in Incognito 4 su RAI 2 con Nicola Savino: anticipazioni prima puntata del 28 dicembre 2016

Protagonista del primo appuntamento della nuova edizione sarà l'imprenditore Francesco Bove, fondatore di una importante azienda che si occupa di produzione e vendita di patate

da , il

    Boss in Incognito 4 su RAI 2 con Nicola Savino: anticipazioni prima puntata del 28 dicembre 2016

    Boss in Incognito 4 debutta su RAI 2 con Nicola Savino come nuovo conduttore: secondo le anticipazioni, la prima puntata andrà in onda mercoledì 28 dicembre 2016 e sarà una sorta di antipasto natalizio della nuova edizione, visto che le restanti nuove puntate saranno trasmesse sì sulla stessa rete, ma soltanto a partire da martedì 24 gennaio 2017.

    E almeno un paio saranno anche le novità che vedremo in Boss in Incognito 4, innanzitutto il ritorno di Nicola Savino in prima serata su RAI 2, grazie alla veste di nuovo conduttore del programma.

    Debuttando mercoledì 28 dicembre 2016 al timone della trasmissione, infatti, Savino riceverà il testimone da Flavio Insinna, che a sua volta aveva già ereditato la conduzione da Costantino Della Gherardesca, padrone di casa delle prime due edizioni.

    Toccherà quindi al presentatore di Quelli che il calcio narrare le nuove storie che vedono protagonisti imprenditori di tutti i tipi.

    Boss in incognito 4, anticipazioni prima puntata 28 dicembre 2016

    Stando alle anticipazioni diffuse, nella prima puntata di Boss in Incognito 4 Nicola Savino presenterà al pubblico l’inedita storia di Francesco Bove, imprenditore leader nel settore alimentare grazie alla produzione e alla vendita di patatine fritte olandesi.

    Bove, infatti, ispirandosi allo street food ha fondato la Queen’s Chips, aprendo il primo punto vendita a Salerno e man man facendo della sua azienda un marchio che oggi conta più di quaranta punti commerciali distribuiti in tutta Italia.

    L’imprenditore, una volta travestitosi per camuffare la propria identità, nel corso della puntata scoprirà da ‘infiltrato’ come lavorano dipendenti dell’azienda che dirige, anche ascoltando critiche, commenti e opinioni avanzate al datore di lavoro.

    E non senza incontrarne alcuni: Antonio, che ogni giorno prepara i sacchi di patate in base agli ordini; Giada, che si occupa della cassa e del servizio al pubblico; Angelo, pratico di confezioni; Alessandra, maestra nella preparazione del negozio prima dell’apertura; infine Monica, le cui mani raccolgono la materia prima in Olanda.

    E se resta confermato il concept fondamentale del programma, cioè far travestire e camuffare gli imprenditori in modo tale che i dipendenti dell’azienda non li riconoscano; è anche vero che nella nuova edizione ci sarà anche spazio per alcune novità.

    Oltre a Nicola Savino, infatti, ci sarà anche una nuova regola: gli imprenditori dovranno lavorare con prodotti di uso quotidiano. Nel caso specifico saranno le patate, ma nei vari appuntamenti si vedranno anche olio, passate di pomodoro, dolci, abbigliamenti e accessori.

    Prodotto da RAI 2 insieme a Endemol Shine Italia, Boss in incognito è ispirato al formato inglese Undercover Boss. In Italia dal 2014 al 2016 sono state realizzate le prime tre edizioni, che in tutti i casi hanno registrato ascolti positivi e dati Auditel incoraggianti: una media di circa 2 milioni di telespettatori.