Boardwalk Empire, nella terza stagione arriva Stephen Root – e forse torna Paz de la Huerta

Boardwalk Empire, nella terza stagione arriva Stephen Root – e forse torna Paz de la Huerta

Boardwalk Empire, nella terza stagione arriva Stephen Root - e forse torna Paz de la Huerta; e intanto Raffaele Lombardo lancia un appello a Martin Scorsese

    stephen root in boardwalk empire

    Continua a rimpolparsi il cast della terza stagione di Boardwalk Empire, dopo l’arrivo di Bobby Cannavale nel ruolo di Gyp Rosetti, affascinante quanto spiegato gangster che sfiderà il potere di Nucky (Steve Buscemi),la produzione ha scritturato anche Stephen Root (True Blood, Justified) che nello show apparirà nel ruolo ricorrente di Gaston Means, un falsario sospettato di omicidio che è diventato Investigatore Speciale per il Dipartimento della Giustizia e che lavora sotto le direttive del Procuratore Generale Harry Daugherty (Christopher McDonald). E ci sono anche buone notizie per i fan di Paz de la Huerta…

    Nei giorni scorsi abbiamo dato la notizia che HBO aveva deciso di non esercitare l’opzione che avrebbe permesso alla modella/attrice Paz de la Huerta (Lucy Danziger, interesse amoroso del protagonista interpretato da Steve Buscemi ma anche dell’agente Van Halden interpretato da Michael Shannon) di apparire nella terza stagione di Boardwalk Empire, ebbene secondo quanto rivelato dallo showrunerr e creatore Terence Winter l’attrice potrebbe teoricamente ritornare, anche se non sarà un personaggio regular.

    Nei Soprano avevamo persone che non apparivano per un’intera stagione e poi tornavano – ha spiegato Winter – finché non sei morto puoi sempre tornare, e anche quando sei morto ci sono molti modi per far tornare un attore – sogni, flashback, tutto può succedere‘. L’autore ha anche aggiunto che la terza stagione di Boardwalk Empire non sarà ambientata solo ad Atlantic City, ma anche a Cicero e Chicago: ‘Nel 1924 Cicero diventa il quartier generale di Al Capone e Van Alden si ritroverà invischiato in situazioni interessanti‘.

    Chiudiamo con una notizia ‘datata’ ma di colore, nei giorni scorsi il governatore siciliano Raffaele Lombardo ha lanciato un appello a Martin Scorse: ‘Nel pieno rispetto della liberta’ di espressione, pur riconoscendo la sua grandezza artistica, mi appello a Martin Scorsese perché la serie Boardwalk empire associa di nuovo la Sicilia ai mafiosi, arrecandole un grande danno d’immagine.

    Suggerisco al produttore Scorsese di ambientare in Sicilia un film sulle tante cose straordinarie che questo popolo ha fatto, compresa la lotta vincente contro la malapianta della mafia‘. Per Lombardo, Scorsese dovrebbe ispirarsi ‘a Federico II, ai tanti magistrati, non solo quelli che hanno perso la vita nella lotta contro la mafia, ma quelli che giorno per giorno la combattono e sono riusciti ad arrestare Provenzano, oltre ai suoi più stretti affiliati‘.

    468