Berlusconi ottiene la fiducia al Senato. Di Pietro alla Camera lo invita a fuggire (video)

Votazione scontata quella al Senato che vede confermare la fiducia al gorverno berusconi

da , il

    Come da copione già annunciato, Silvio Berlusconi ottiene la fiducia al Senato. Con 162 si e 135 no la fiducia al governo è stata accordata. La votazione è avvenuta nel corso di una mattinata molto convulsa che sta ancora tendo banco. Alla Camera è Di Pietro ad agitare gli animi con un intervento molto colorito indirizzato al premier. Ma i giochi sono appena iniziati e adesso ci si avvia verso il momento più difficile e delicato che porterà poi al voto di fiducia/sfiducia alla Camera. Come sottolineato il voto al Senato era scontato, quindi il voto ha avuto un valore solo di conferma, al momento però è alla Camera che si stanno vivendo le ore cruciali. In seguito all’intervento di Di Pietro, Berlusconi lascia l’aula, ma poi rientra chiamato da Casini.

    Con Fini i rapporti rimangono molto tesi e Berlusconi ancora una volta ha confermato che non si dimetterà mai. Ieri il discorso del premier al Senato, mentre oggi, la discussione prosegue e ve ne daremo conto dopo il voto alla Camera, atteso intorno alle ore 13.00. Intanto Roma è blindata, il centro è impenetrabile e i cortei si stanno avvicinando ai palazzi del potere. Quattro i cortei che la stanno attraversando, gli studenti, i centri sociali, la Fiom, i comitati dell’Aquila, i cittadini di Terzigno e gli immigrati.

    Per tutti l’obiettivo finale è di raggiungere il Parlamento. La tensione si fa sentire anche in altre città, a Milano presa d’assedio la sede della Borsa in Piazza Affari, Palermo è bloccata con l’aeroporto bloccato. Disordini anche a Napoli. Un clima esasperato che non scemerà finché non si saprà il risultato definitivo della votazione alla Camera. Da Ieri tutte le tv sono concentrate sull’argomento con lunghe dirette. Non mancheremo di darvi conto a breve degli sviluppi sia della fiducia/sfiducia sia di quanto sta accadendo a Roma.