Berlusconi alla Camera, il discorso di Antonio Di Pietro (video)

Il Governo Berlusconi incassa la fiducia alla Camera, ma la giornata politica è catalizzata dal discorso di Antonio Di Pietro

da , il

    La Camera dà fiducia al Governo Berlusconi, che questa mattina ha presentato ai deputati i cinque punti programmatici che intende portare avanti nel resto della legislatura, ma l’attenzione politica è tutta concentrata sulle dichiarazioni di Antonio Di Pietro, che ha trasformato le sue dichiarazioni di voto in un attacco frontale e senza mezzi termini al premieri: “Signor Berlusconi, lei è uno stupratore della democrazia… è la testa della piovra politica, è un piduista, un ‘pregiudicato illusionista’ che anche oggi ha raccontato un sacco di frottole agli italiani“… e via così. In alto il video. Intanto il governo Berlusconi ha ottenuto la fiducia, con 342 voti a favore (contro i 335 registrati al momento dell’insediamento) e 275 voti contrari.

    In una giornata già piuttosto difficile per la politica italiana, caratterizzata dal discorso alla Camera di Silvio Berlusconi che ha ottenuto la fiducia con ampio margine sulla maggioranza richiesta (309 voti, aggiungendo anzi voti a quelli registrati al momento dell’insediamento), l’attenzione dei media e del mondo politico è tutta concentrata sul discorso di Antonio Di Pietro che ha trasformato la sua replica al discorso programmatico del Premier in un attacco frontale e senza alcun ‘rispetto’ istituzionale. Più che un discorso parlamentare sembrava un resoconto di Marco Travaglio.

    A poco sono valsi i richiami del Presidente della Camera, Gianfranco Fini, nei confronti di Di Pietro, che peraltro ha aizzato le reazioni dei deputati di centro destra: non è stato facile per Fini tenere l’aula sotto controllo per permettere a Di Pietro di terminare il suo intervento, che ovviamente ha scatenato un fiume di polemiche e che stasera sarà certo oggetto di tutte le trasmissioni televisive.

    Di tutte sì, ma non del Tg4: aprendo il suo telegiornale, Emilio Fede ha dichiarato che non avrebbe dato spazio al vergognoso intervento di Di Pietro, “discorso indegno di una società civile”, anche se poi si è ‘scusato’ di non averlo inserito nel resoconto della giornata: l’assenza della sintesi delle parole di Di Pietro sarebbe stata frutto di una distrazione causata dai tempi ristretti per la realizzazione del servizio. Mah! Di certo, però, l’intervento di Di Pietro, per il quale il PdL ha chiesto un provvedimento disciplinare, sarà replicato urbi et orbi nei prossimi giorni.