Belen Rodriguez contro Emma Marrone: rivali anche come testimonial

Belen Rodriguez ed Emma Marrone sono tesimonial pubblicitarie di WeChat e Line, due app rivali di comunicazione

da , il

    Belen Rodriguez vs Emma Marrone: rivali anche come testimonial pubblicitarie

    Belen Rodriguez ed Emma Marrone nuovamente rivali! Stavolta l’aspetto sentimentale non c’entra ma, per fortuita coincidenza o ragionata strategia, le due si trovano ad essere testimonial pubblicitarie di due aziende rivali nel campo della comunicazione multimediale. La sfida tra le due prosegue a colpi di chat!

    Questa volta non è Stefano De Martino a metterle una contro l’altra ma un ingaggio professionale. Da un paio di giorni, infatti, Belen è il volto che sponsorizza in televisione WeChat: si tratta della nuova applicazione di comunicazione istantanea per smartphone e tablet che cerca di soppiantare il gettonatissimo Whatsapp e che aveva reclutato nientemeno che Lionel Messi come star promozionale. Adesso è la bella argentina a presentare l’innovativa applicazione, aggirandosi seducente tra i corridoi di un elegante ufficio e mostrando ciò che WeChat ha da offrire al mondo.

    Niente di eccezionale, se non fosse che circa un mese fa era circolato un altro spot televisivo di un’altra applicazione gratuita per cellulari e simili, ovvero Line. E quest’ultima aveva scelto come sua testimonial proprio l’eterna rivale di Belen, la bionda Emma Marrone, colei che si è vista sottrarre il fidanzato dalla conduttrice di Italia’s Got Talent. Proprio grazie al lavoro promozionale della cantante, Line ha riscosso un discreto successo nel nostro Paese ed è entrata di prepotenza nel panorama delle comunicazioni multimediali.

    Forse è stato proprio questo a spingere WeChat a reclutare Belen. Tutti in Italia conoscono i retroscena del triangolo amoroso che ha invaso le riviste scandalistiche un paio d’anni fa e sanno che tra le due ragazze l’atmosfera è a dir poco tesa. Quindi perché non sfruttare la situazione a proprio vantaggio? Detto fatto, ecco che Belen si appresta a far scordare l’immagine della grintosa Emma a colpi di minigonna e tacchi a spillo.

    Di certo è una trovata pubblicitaria destinata a far scalpore, non solo per la bellezza della protagonista ma anche e soprattutto per le implicazioni che vi si celano dietro. Ma del resto è proprio questo lo scopo, far parlare del prodotto il più possibile, a prescindere dal modo. E, senza dubbio alcuno, WeChat ha messo in atto una campagna da dieci e lode.