Barbara D’Urso si commuove in diretta a Pomeriggio 5: ‘L’Hotel Rigopiano era il mio nido’

La conduttrice, cliente abituale dell'albergo travolto dalla slavina, non è riuscita a trattenere le lacrime durante il collegamento con il nipote del proprietario, Bruno.

da , il

    Barbara D’Urso si commuove in diretta a Pomeriggio 5: ‘L’Hotel Rigopiano era il mio nido’

    Barbara D’Urso si commuove in diretta a Pomeriggio 5 pensando alla tragedia che da qualche ora affligge il nostro Paese e, in particolare modo, la popolazione del Centro Italia. L’Hotel Rigopiano travolto interamente da una slavina durante il tardo pomeriggio di mercoledì 18 gennaio 2017 ha smosso la conduttrice di Canale 5, cliente affezionata a quel ‘nido di relax’ in cui era solita rifugiarsi nei momenti in cui non era in diretta.

    Barbara D’Urso, ospite abituale dell’Hotel Rigopiano, si commuove in diretta durante il collegamento telefonico di Pomeriggio 5 con Bruno, nipote del proprietario dell’albergo ‘paradiso’ in cui era solita rilassarsi la presentatrice da ormai qualche anno. Stiamo parlando di quello stesso albergo di cui oggi non è rimasto nulla, se non un inferno bianco.

    Durante la puntata di giovedì 19 gennaio 2017, Barbara D’Urso è stata incapace di trattenere le lacrime, lacrime vere di una cliente sconvolta che conosceva molto bene il posto, cliente che non perdeva tempo per passare qualche ora lontana dalla diretta televisiva, per essere coccolata da quelle meravigliose persone che lavoravano nell’albergo, ormai amici e attualmente dispersi sotto le macerie.

    ‘Quei luoghi che io conosco bene, hanno problemi con la linea telefonica’, queste le prime parole della D’Urso per anticipare il collegamento da Penne. ’Io andavo anche d’inverno. Una volta, per scelta, ho fatto addirittura Capodanno lì da sola, i telefoni non prendevano mai. Si passava da Penne, subito dopo c’era Farindola e poi si passava per questa strada piena di curve, di tornanti che saliva in mezzo a quello che il mio amato Roberto chiamava la ‘Faggeta’. Per salire era molto complicato’.

    barbara d'urso hotel rigopiano

    Poi, il post pubblicato sui social: ‘L’Hotel Rigopiano era il mio nido nel quale mi rifugiavo quando non ero in diretta, l’ho fatto per anni fino a qualche mese fa’, queste le parole di una afflitta Barbara D’Urso scritte sotto la foto di due meravigliosi cani ‘delle nevi’. ‘Le foto che pubblico spesso dei miei amati cani in montagna sono i cani che vivono lì. Conosco tutte le persone meravigliose che ci lavorano e che ora verranno salvate, io sto pregando per questo. Roberto, Marinella, Fabio e tutti gli altri…. Prego per i soccorritori che in questo momento stanno facendo l’impossibile’.

    E ancora, qualche ora dopo, un’altra foto ritraente i cani dispersi, al di sotto della quale, queste parole: ‘Con il cuore e con la preghiera sempre lì #colcuoreinabruzzo #rigopiano’.

    Non è l’unico personaggio noto Barbara D’Urso ad essere affezionata a quell’angolo di paradiso, oggigiorno inesistente: il cantante de Il Volo, Gianluca Ginoble, è salvo per miracolo. Come da lui stesso raccontato, il proprietario Roberto sarebbe dovuto scendere a prenderlo per regalargli qualche giorno di tranquillità sulla neve. Per impossibilità legate alle condizioni atmosferiche, la mini vacanza è stata sospesa.