Ballarò su Raitre: confermato Crozza nel ‘più autorevole tra i talk show di politica’

Da stasera, martedì 10 settembre, torna su Raitre Ballarò: confermata la copertina satirica di Maurizio Crozza

da , il

    Ballarò torna in onda da stasera su Raitre: “Farsi domande cambia la vita” è lo slogan dello spot promozionale del programma, ormai giunto alla dodicesima edizione.

    Uno degli appuntamenti di approfondimento politico più apprezzati dai telespettatori cercherà di garantire “lucidità, impegno e serietà“, per usare le parole del suo conduttore Giovanni Floris, che ha presentato la nuova stagione in conferenza stampa, al fianco del direttore generale della Rai Luigi Gubitosi e del direttore di Raitre Andrea Vianello (a dimostrazione di quanto la tv pubblica tenga a Ballarò).

    Aumenta il numero di inviati, grazie a un incremento dei giornalisti presenti in redazione, mentre le inchieste presteranno “attenzione alle soluzioni che gli altri Paesi hanno trovato ai problemi che abbiamo anche noi. E scopriremo come in alcuni angoli dell’Italia sono stati risolti problemi che dividono il resto del Paese“.

    Floris spiega lo stato d’animo con cui si avvicina al nuovo Ballarò: “Cerchiamo sempre di farci domande che ci vengono spontanee, e farne anche qualcuna in più“. Certo è che il talk show del martedì sera rimane un gioiellino di Raitre, con ascolti nettamente superiori alla media di rete (più di quattro milioni di spettatori, share oltre il 16 %). Andrea Vianello ha sottolineato che si tratta del “più autorevole tra i talk show di politica e il più apprezzato per equilibrio e completezza” (Bruno Vespa sarà contento di leggere queste dichiarazioni), mentre per Gubitosi si tratta di “un programma esemplare per quello che considero il servizio pubblico. Sarà una gara di resistenza tra lui e Un posto al sole“.

    Formula confermata, quindi, inclusa la copertina satirica in apertura di Maurizio Crozza. La prima puntata sarà dedicata ai tre argomenti che hanno catalizzato l’attenzione dei media in questi giorni: l’abolizione dell’Imu, il futuro politico e personale di Silvio Berlusconi e la guerra in Siria.

    Per Floris siamo arrivati a un punto di non ritorno. La vicenda Berlusconi, al di là della soluzione tecnica, è un momento nuovo nella sua carriera politica, il confronto Cuperlo-Renzi nel Pd, Grillo. Da Berlusconi, a Monti, a Letta, c’è stato un passaggio generazionale. Penso che chiuderemo Ballarò in un contesto completamente cambiato“. “Speriamo che sia l’anno giusto per iniziare a raccontare la ripresa“, è la postilla benaugurante di Vianello.

    L’appuntamento per la prima puntata, quindi, è per questa sera alle 21.05. Voi ci sarete?