Ballarò prima puntata su Rai Tre: Giovanni Floris promette lucidità e buon giornalismo

Ballarò prima puntata su Rai Tre: Giovanni Floris promette lucidità e buon giornalismo

Giovanni Floris torna da stasera su Rai Tre con la prima puntata di Ballarò

    ballarò nuova stagione

    Stasera su Rai Tre prima puntata di Ballarò, il talk show d’attualità condotto da Giovanni Floris e giunto quest’anno alla sua undicesima stagione. Il 45enne giornalista romano torna a occuparsi della politica, dell’economia e dei problemi concreti del nostro Paese e ai suoi fedelissimi telespettatori (che l’anno scorso gli hanno permesso di raggiungere il 17% di share) promette lucidità – ‘perché nei prossimi mesi di lucidità ci sarà bisogno’ –, e un format tutto sommato semplice e come sempre ispirato alle regole del buon giornalismo.

    L’undicesima stagione di Ballarò andrà in onda come di consueto in diretta dallo Studio 2 del CPTv Teulada di Roma, tutti i martedì alle 21.05 su Rai Tre a partire da stasera.

    Il programma di approfondimento giornalistico di Giovanni Floris, indicato dagli italiani come il talk-show più affidabile secondo un sondaggio Demos, potrà contare anche quest’anno sulla pungente copertina satirica di Maurizio Crozza, che darà poi il via all’inconfondibile sigla a cartoni animati firmata da Lorenzo Terranera, e sui sondaggi di Nando Pagnoncelli.

    Tra gli ospiti della prima puntata, durante la quale si discuterà di casa, del prezzo della benzina ormai arrivato alle stelle,
    della realtà economica e degli ultimi sviluppi della politica con un’inchiesta condotta in Francia, ci saranno il sindaco di Firenze Matteo Renzi, l’economista Irene Tinagli di Italia Futura, il segretario della Lega Nord Roberto Maroni, il presidente di Assonime e della BNL Luigi Abete, il segretario confederale della Cgil Elena Lattuada, il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, il viceministro del Lavoro Michel Martone e il presidente di RCS libri Paolo Mieli.

    In occasione della presentazione del programma Floris ha assicurato che l’obiettivo di questa stagione, che sarà difficile e complessa in vista delle elezioni e degli effetti della crisi economica, è continuare a essere ‘credibili, costanti, seri’, ‘mantenere il tratto fondamentale di Ballarò’, cioè ‘guardare la realtà con lucidità affrontando i problemi con la logica e la concretezza’ e insistendo ‘con quello che abbiamo sempre fatto, faremo confrontare i vari punti di vista facendoli incrociare e mettendo a confronto opinioni diverse’. Per questo il dibattito è aperto a ‘tutte e persone che riescono ad avere un peso sulla realtà socio-politica, anche Beppe Grillo’ perché in studio ‘ci si confronta con chi la pensa differentemente, non abbiamo mai avuto ospiti unici, se non ex presidenti stranieri, i politici si devono confrontare con chi la pensa differentemente’.

    Floris, dunque, è prontissimo ad affrontare una nuova stagione di Ballarò. E voi?

    474

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI