Ballarò, Jovanotti ospite di Massimo Giannini il 31 marzo 2015: intervista su temi politici e sociali

Ballarò, Jovanotti ospite di Massimo Giannini il 31 marzo 2015: intervista su temi politici e sociali

Ballarò, Jovanotti ospite di Massimo Giannini il 31 marzo 2015: intervista sui temi politici e sociali per il cantante

da in Ballarò, Personaggi Tv, Programmi TV, Rai, Rai 3, Jovanotti
Ultimo aggiornamento:

    Jovanotti è stato ospite di Massimo Giannini a Ballarò: durante la puntata del 31 marzo 2015, il cantante è intervenuto per parlare di ‘politica‘. Presentato come il più grande interprete della musica italiana nella pre-intervista, Lorenzo Cherubini dal Politecnico di Milano si è detto felice di essere stato invitato. Se la prima domanda potrebbe essere definita scontata, poiché ripresa dal testo di una delle sue canzoni più famose: Come va il mondo Lorenzo?, la risposta non lo è per nulla. Jovanotti l’ha presa come la domanda a piacere e in perfetto stile tv ha lasciato la risposta in sospeso e si è preparato per l’intervista vera e propria.

    Jovanotti a Ballarò: durante la puntata del 31 marzo 2015 Massimo Giannini ha intervistato il cantante, definito come il più grande interprete della musica italiana. Felice di poter dire la sua, Lorenzo Cherubini ha provato ad aprire una finestra sul presente e sul futuro del paese. Acclamato dai ragazzi dell’Università di Milano, la prima stranezza per il cantante è avere il pubblico dietro e ci mette subito del suo: vuol dare del ‘tu’ al conduttore, che è un amico, ma non sa se in tv si può. Lorenzo risponde subito alla domanda dell’anteprima, il mondo va, forse non i suoi abitanti, ma il mondo sì.

    Da 27 anni il cantante non sbaglia un colpo con gli album: lui non racconta la via contemporanea, ma cerca di essere contemporaneo. Spesso racconta la sua storia, anche se vorrebbe raccontare di più la vita altrui. E’ in sintonia con il suo tempo: l’esempio calzante è la canzone ‘Sabato’. Giannini chiede se è vero che ci rialziamo come afferma nel suo testo: la verità è che ci si alza sempre uno alla volta, e questo pensiero dipende dalla sua educazione cristiana. Ogni singolo trova il proprio modo per rialzarsi dentro le cose: non crede nei movimenti collettivi che cadono e si rialzano, ma anche stavolta ‘ci stiamo già alzando’.

    L’album non è il manifesto renziano come viene definito, ma espressione di un movimento lorenziano: mentre scrive le canzoni pensa a moglie, figlia, ragazzi. Ma Giannini sottolinea che ha espresso l’approvazione per la giovane età del Presidente del consiglio: la rottamazione lo convince? Non conta l’età, ma conta che restino a casa coloro che non hanno dato il loro contributo positivo al paese.

    Vi sentite con Matteo? Dormiamo proprio insieme: ironicamente Giannini afferma che forse è Renzi ad essere Lorenziano: i suoi testi sono sempre andati oltre gli schemi, oltre le categorie per il cantante ci sono mille possibilità ‘C’è vita oltre le categorie’ La sinistra del cantante lotta contro le disuguaglianze favorendo la crescita economica. E Landini? Secondo Jovanotti, si tratta di una visione del mondo lontana dalla realtà e dalla modernità che viviamo.

    Ma c’è tempo di parlare anche di Berlusconi: dopo la sua destra non rimane molto.

    Jovanotti è contro la xenofobia: e a questo proposito cosa ne pensa di Salvini? Lorenzo ha un orizzonte completamente diverso rispetto al leader della Lega, per cui non potrà mai essere un suo sostenitore. Infine si parla dei ragazzi: nella canzone dedicata alla figlia Teresa, la invita ad andar contro i pregiudizi. Lui vede i ragazzi in un mondo più complesso; ma l’Italia lascia andare fuori i talenti: per Jovanotti è normale, più si va in giro, più il paese si ama. Tutto ciò deve essere vissuto con normalità: il mondo è sempre pieno di possibilità. E per concludere che ‘sapore’ avrà il paese in futuro? Ogni vita avrà il sapore di quella vita

    Aggiornamento del 31 marzo 2015 a cura di Francesca Ajello

    Ballarò, Jovanotti ospite di Massimo Giannini il 31 marzo 2015
    Safari! Un buon motivo per guardare Ballarò? Jovanotti. Domani 31 marzo 2015, il cantautore romano sarà infatti ospite di Massimo Giannini su Rai 3 in occasione della puntata settimanale. Questa volta toccherà a Lorenzo Cherubini essere la guest star del talk show e segue ad ospiti illustri: solo la scorsa settimana, infatti, nel salotto politico Rai abbiamo visto Pippo Baudo tener testa a Matteo Salvini e, prima ancora, Paolo Bonolis e Roberto Benigni – per citarne alcuni della scuderia di Presta. Complici le note gradite di Jovanotti, a Ballarò è sempre la stessa musica.

    Un colpo mica male per il talk show di Rai 3, visto che non è così scontato vedere Lorenzo Jovanotti in televisione se ad alzare il telefono non è Fabio Fazio. Un annuncio che in qualche modo pone una riflessione più generale: solo qualche mese fa, in occasione del debutto di Massimo Giannini a Ballarò, si disse che la nuova veste data al talk show avrebbe evitato chiacchiere e portato notizie sul piccolo schermo, non senza scoop preannunciati. E’ stato così finora?

    D’altro canto, gli addetti ai lavori avranno pensato di affidarsi all’interesse attirato dai personaggi dello spettacolo, che si trovano però nel paradosso di dover partecipare ad un talk show fino a prova contraria dedicato all’attualità politica ed economica e con un conduttore che ha dimostrato di non saper reggere i ritmi e le contrapposizioni durante il dibattito.

    A mettere in luce qualche magagna di Giannini, infatti, è stata qualche giorno fa anche Striscia, che ha sorpreso il conduttore alle prese con un finto collegamento con Maurizio Landini: la regia ha fatto uno stacco brutto, lasciando che la voce fuori campo del presentatore si sovrapponesse – e così non doveva essere – alle labbra mute del conduttore di Ballarò.

    1032

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròPersonaggi TvProgrammi TVRaiRai 3Jovanotti Ultimo aggiornamento: Martedì 31/03/2015 22:01
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI