Ballando con le Stelle, Crespi si difende: “Sono un uomo libero” (video)

Ballando con le Stelle, Crespi si difende: “Sono un uomo libero” (video)

Lorenzo Crespi si dichiara 'un uomo libero' e difende la sua fuga da Ballando con Le Stelle in un'intervista esclusiva a L'Arena di Massimo Giletti

    L’Arena di Massimo Giletti ha affrontato ieri il caso Lorenzo Crespi a Ballando con le Stelle: la vicenda è ormai nota, ma mancava la risposta dell’attore al ‘processo’ consumatosi sabato sera in diretta e che lo ha visto imputato e condannato per ‘abbandono del tetto coniugale’ che divideva con gli altri protagonisti del reality di Milly Carlucci. Ci ha pensato Massimo Giletti, appostatosi sotto casa dell’attore, araccogliere le sue ‘ultime’ dichiarazioni: “Sono un uomo libero, con i suoi valori: muore di fame, ma a regime non si mette” ha detto Crespi. A regime? In un reality innocuo come quello della Carlucci? Suvvia…

    Lorenzo Crespi, intervistato da Massimo Giletti per L’Arena, chiede scusa agli italiani che lo hanno supportato e televotato nelle sue sei settimane di permanenza a Ballando con le Stelle, ma non rinnega la sua scelta di abbandonare in diretta la pista di RaiUno (e la bellissima Natalia Titova, sua partner) senza una spiegazione nella puntata di due sabati fa.

    Della lunga intervista che Giletti dice di aver raccolto domenica mattina, ne sono stati trasmessi poco meno di 50”, evidentemente i più significativi, nei quali l’attore chiede sì scusa al pubblico, ma non alla conduttrice e alla produzione che pure lo hanno difeso strenuamente per tutta la sua avventura danzereccia, continuando anzi ad accusarli ‘velatamente’ di averlo voluto ‘ingabbiare’ in un meccanismo a lui estraneo.
    Erano cinque anni che rifiutavo, non sono fatto per i reality, sono un uomo libero: muoio di fame ma non mi metto a regime” dice Crespi, facendo intendere chissà quali manovre oscure dietro al talent della Carlucci, che – ospite di Giletti – prontamente sottolinea la differenza tra reality e talent show. Ma c’è poco da spiegare di fronte alle intemperanze mostrate da Crespi in questi mesi di Ballando: allenamenti saltati, improvvise sparizioni, fumose polemiche contro la giuria che non solo non l’ha mai messo al ballottaggio, ma si è sentita accusata di parzialità a favore ora di Raz Degan ora di Ronn Moss, capricci da star verso la maestra Natalia Titova, con tanto di accuse di scarsa professionalità del corpo docente. Tutte le testimonianze video utili all’accusa sono state mostrate sabato sera in diretta, per rendere incontrovertibile l’unanime condanna.

    Ma Milly lascia comunque uno spiraglio aperto all’ingrato Crespi: per lui non è più previsto un rientro in gara, ma può tornare e sedersi ai tavolini insieme agli altri ballerini eliminati, magari anche per spiegare in diretta tv le sue ragioni.
    La polemica in tv del resto paga bene sul fronte Auditel: Ballando con Le Stelle sabato scorso ha totalizzato 5.746.000 telespettatori (27,28%), così come L’Arena, ieri pomeriggio, ha ottenuto nella prima parte 5.453.000 telespettatori (27,90%) e nella seconda (dalle 14.54) 5.328.000 per il 28,20% di share.
    Dopo Morgan, le polemiche su Sanremo 2010 e sul principe Emanuele Filiberto serviva un altro caso da sviscerare: Lorenzo Crespi è perfetto alla bisogna.

    532

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI