Ascolti tv venerdì 13 luglio 2012, il festival di Castrocaro su Rai 1 vince la serata

Ascolti tv venerdì 13 luglio 2012: il festival musicale di Castrocaro vince la serata

da , il

    Castrocaro 2012

    Castrocaro vince la serata di ascolti di ieri: la finale di Castrocaro 2012 condotta da Alessandro Greco e con la mitica Mara Maionchi come presidente di giuria è stata vista da 2.184.000 telespettatori con lo share del 13,74%. A vincere il festival musicale ieri è stata la cantante Martina Cambi, secondo, invece, si è classificato Gianluca Gabriele.

    Dietro al festival trasmesso da Rai 1, si piazza Enrico Brignano su Canale 5: lo show del comico romano è stato trasmesso al posto della seconda puntata dello show di Checco Zalone, Resto Umile World Show. Un personaggio in cerca d’attore ha fatto ridere 1.883.000 telespettatori con lo share dell’11%. Dietro lo show del comico romano i due episodi di NCIS – Unità anticrimine in replica hanno lasciato con il fiato sospeso rispettivamente 1.815.000 telespettatori con lo share del 9,61% (Zona calda) e da 1.937.000 telespettatori con lo share del 10,64% (Manomissioni).

    Su Italia 1 il film fantastico con Jason Statham e Lelee Sobieski In the name of the King ha emozionato 1.669.000 telespettatori con lo share del 9,86%. Dietro le avventure fantastiche del fattore e di Muriella, le indagini di Padre Castell su Rete 4 seguite da 1.214.000 telespettatori con lo share del 6,46% nel primo episodio, mentre in 1.350.000 hanno visto il secondo per lo share del 7,92%. Dietro le avventure del gesuita

    l’appuntamento con la Grande Storia in prima serata su Rai 3, che ha scelto ieri di trasmettere il documentario “I tre volti del nazismo”, ha interessato 1.098.000 telespettatori con lo share del 6,15%.

    Per finire il film diretto da Billy Wilder, Testimone d’accusa, tratto da una pièce di Agatha Christie e interpretato da Marlene Dietrich, Tyrone Power (il papà di Romina) e Charles Laughton ha tenuto con il fiato sospeso 706.000 telespettatori con lo share del 4,13%. Il film di Wilder ottenne sei nomination agli Oscar (film, regia, attore protagonista, attrice protagonista, montaggio e sonoro).