Ascolti Sanremo 2013: la serata finale vola con oltre il 53% di share

Ascolti Sanremo 2013: la serata finale vola con oltre il 53% di share

Ascolti ottimi per la serata finale di Sanremo 2013 che supera il 53% di share con la proclamazione del vincitore

da in Auditel, Fabio Fazio, Festival di Sanremo 2013, Luciana Littizzetto
Ultimo aggiornamento:

    Ottimi ascolti per la serata finale di Sanremo 2013 chiusasi con la vittoria di Marco Mengoni. La media ponderata totalizzata dalla finalissima targata Fazio e Littizzetto è pari a 12.997.000 telespettatori con il 53.8% di share. Risultato di cui andar fieri, considerata anche la media d’ascolto delle cinque serate del Festival di Sanremo 2013 che si è attestata sugli 11.936.000 telespettatori con il 47.26% di share.

    Nel dettaglio, la prima parte della serata è stata vista da 13 milioni 635mila con uno share del 51,96%, mentre la seconda è stata seguita da 10 milioni 394mila spettatori, con share del 66,60%. Il picco di ascolto con 15 milioni 542 mila telespettatori si è raggiunto alle 21.48, con il siparietto tra Fazio, Littizzetto e Balti tra le esibizioni dei Modà e di Simone Cristicchi. Il picco di share si è registrato sul finire della serata alle 24.56 ed è stato pari al il 73.48% alla proclamazione di Marco Mengoni vincitore della sessantatreesima edizione. Tutti dati da cui emerge una precisa visione: uno spettatore italiano su due ha scelto Sanremo nella prima parte e nella seconda ben tre italiani su due. Soddisfazione ulteriore per Fabio Fazio che supera se stesso totalizzando in valori assoluti il risultato più alto dal 2000, quando il Festival, sempre col la sua conduzione, ottenne in media 13 milioni 586 mila spettatori (54.41% share).

    Ascolti Sanremo 2013, quarta serata: l’operazione nostalgia supera il 48% di share

    Ascolti al top nella quarta serata di Sanremo 2013 dedicata alla celebrazione della storica kermesse canora. Una media di spettatori pari a 11 milioni 538 mila spettatori con il 48.17% ha seguito la simpatica liturgia nostalgica di ieri, conclusasi con la proclamazione del vincitore dei Giovani, Antonio Maggio. Scaramanzia a parte, con questi risultati Fabio Fazio, Luciana Littizzetto e tutto lo staff organizzativo di Sanremo 2013 possono cominciare a cantar vittoria.

    Nel dettaglio, la quarta serata della kermesse dedicata a Sanremo Story è stata seguita nella prima parte da 13 milioni 36 mila telespettatori, pari al 47.55% di share, mentre il secondo blocco ne ha registrati 6 milioni 597 mila con il 52.68% di share. A ben guardare i dati si riscontra una netta crescita rispetto alla serata precedente (in media 10 milioni 709 mila spettatori con il 42.48%, con 11 milioni 497 mila e il 42.08% nella prima parte e 6 milioni 354 mila con il 46.91% nella seconda) e soprattutto rispetto alla medesima giornata nella precedente edizione condotta da Gianni Morandi che aveva ottenuto in media 9 milioni 931 mila spettatori con il 41.97% (nella prima parte 11 milioni 429 mila con il 39.64%, nella seconda 7 milioni 325 mila con il 49.90%). E se l’operazione nostalgia fa tanto, cosa accadrà con la finalissima?

    Aggiornamento del 16/02/2013 a cura di Paola Zagami

    Ascolti Sanremo 2013, terza serata: share oltre il 42% nella festa degli innamorati

    Continua il successo di ascolti di Sanremo 2013 anche nella terza serata in onda il 14 febbraio su RaiUno. Andando incontro ad calo fisiologico dopo il boom della prima serata, la kermesse è stata seguita da una media di di 10 milioni e 700.000 spettatori per uno share del 42,5 %. Nella serata più impegnativa per contenuti come il monologo in difesa delle donne di Luciana Littizzetto e per il ritmo serrato della gara – le esibizioni dei 14 big e quelle di 4 giovani – Fabio Fazio e Luciana Littizzetto hanno mantenuto il loro zoccolo duro di aficionados.

    Ecco nel dettagli gli ascolti registrati in occasione della terza serata di Sanremo 2013: nella prima parte il numero di spettatori e più alto (11 milioni 497.000 spettatori e 42,8% di share), mentre nel secondo blocco è aumentato lo share con la diminuzione del pubblico (6 milioni 354.000 spettatori e 46,91% di share). Un risultato di tutto rispetto, anche paragonato alla terza serata di Sanremo 2012 che con un’ora in più di durata aveva totalizzato il 47.6% di share. Adesso, per capire realmente che presa abbia avuto sul pubblico il Festival targato Fazio- Littizzetto non resta che attendere la serata di Sanremo Story in onda venerdì.

    Aggiornamento del 15/02/2013 a cura di Paola Zagami

    Ascolti Sanremo 2013, seconda serata: con Bruni, Fiorello e Refaeli si va oltre il 42% di share


    Calo fisiologico ma cifre comunque sorprendenti per gli ascolti della seconda serata di Sanremo 2013. La media ponderata registrata è pari, infatti, a 11.330.000 spettatori con uno share del 42.9%. Merito del duetto di Carla Bruni e Luciana Littizzetto o delle canzoni di Big e Giovani, fatto sta che che la seconda puntata 2013 è stata vista da più di oltre 2 milioni di spettatori in più rispetto alla medesima serata del Festival 2012 condotto da Gianni Morandi e Rocco Papaleo.

    Com’è naturale, il miglior risultato si registra sempre nella prima parte della serata che ieri è stata seguita da 12.477.000 spettatori pari al 42.21% di share.

    Il secondo blocco con le ultime esibizioni dei giovani ed il siparietto comico di Neri Marcoré ha invece registrato 6.606.000 spettatori pari al 49.03% di share. Un risultato da incorniciare se paragonato anche allo scorso anno: il Festival 2012 nel secondo appuntamento è stato visto da 11.055.000 spettatori con il 37.29% di share nel primo blocco e 6.012.000 con il 47.2% di share nel secondo, ottenendo una media ponderata di 9.199.000 spettatori e 39.28% di share.

    Aggiornamento del 14/02/2013 a cura di Paola Zagami

    Ascolti Sanremo 2013, prima serata: l’esordio di Fazio e Littizzetto oltre il 48% di share

    Esordio più che soddisfacente per il Festival di Sanremo 2013. Gli ascolti della prima serata non inducono certo a pensare al flop grazie alla media registrata nel corso delle tre ore di diretta su RaiUno: 12.969.000 di spettatori ed il 48.30% di share. Può essere felice del risultato soprattutto il direttore di RaiUno Giancarlo Leone, che nel corso della conferenza stampa di lunedì ha fatto una dichiarazione di intenti proprio a questo proposito: ‘Se si parte dall’idea di fare gli ascolti delle ultime edizioni si sbaglia strada: il nostro obiettivo è realizzare un festival “nuovo” e per farlo siamo pronti a rischiare e a pagarne conseguenze. Per questo sarei felice se i nostri ascolti si collocassero tra il 35% del 2008 e il 47% del 2012: la considererei una scommessa vinta, perché quando si cambia qualcosa si perde, ma bisogna essere preparati per andare avanti‘.

    Una serata lunga e ricca di ospiti e canzoni che è stata aperta in modo inconsueto con l‘omaggio a Verdi sulle note di Va’ Pensiero. Se questo inizio sembra non aver infiammato particolarmente la platea in teatro, ciò che è venuto dopo ha evidentemente calamitato l’attenzione degli spettatori a casa. Infatti, la prima parte della prima serata di Sanremo 2013 è stata vista da 14.196.000 spettatori e 47.61% share: un risultato da boom presumibilmente influenzato dall’apertura con la letterina di Luciana Littizzetto e dall’atteso monologo di Maurizio Crozza. Interruzioni per fischi ed esibizione del comico genovese hanno occupato, infatti, circa quaranta faticosissimi minuti di diretta sanremese.
    Fisiologico calo di ascolti è riscontrabile, invece, nella seconda parte della serata vista da 8.146.000 spettatori per il 53.54% di share, e dedicata maggiormente alla musica con la doppia esibizione dei cantanti rimasti.

    Nulla da rimproverarsi avrà l’inedita coppia di conduttori formata da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto rispetto soprattutto ai dati d’ascolto relativi alle precedenti edizioni del Festival di Sanremo. Per esempio, la prima puntata Festival di Sanremo 2012 con Gianni Morandi e Rocco Papaleo fu vista da 14.378.000 spettatori (share del 48,50%) nella prima parte e da 8.451.000 (55,23%) nella seconda con una media di share del 49,55% e di spettatori del 12.700.000. E le valutazioni generiche non cambiano nemmeno se rapportate all’anno prima, il 2011, che registrò i seguenti dati: 11.992.000 spettatori e share del 46,39% in media, con 14.175.000 nella prima parte (45,20%) e 9.387.000 (48,65%) nella seconda. Gestioni e conduzioni a parte, almeno fino ad oggi vale quello che è ormai un adagio popolare: ‘Sanremo è Sanremo’.

    Articolo originale del 13 febbraio 2013

    1355

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AuditelFabio FazioFestival di Sanremo 2013Luciana Littizzetto