Ascolti: l’informazione regina del 2009 con Annozero e Ballarò

2009 da incorniciare per i programmi di informazione della rai: Annozero e Ballarò crescono rispetto allo scorso anno, vincendo anche diverse serate Auditel, mentre si maniete stabile Porta a Porta

da , il

    Record di ascolti per i programmi di informazione delle nostre reti: complice un 2009 piuttosto movimentato sul piano politico (tra scandali, rimpasti, polemiche sulla libertà di stampa e l’aggressione a Berlusconi) i principali programmi di approfondimento – soprattutto quelli Rai – hanno migliorato le proprie medie di ascolto stagionali rispetto allo scorso anno e sono più volte risultati vincitori delle serate Auditel a scapito di show e fiction. Palma d’oro ad Annozero e a Ballarò, mentre continua a scivolare Matrix, da febbraio nelle mani poco convincenti (e convinte) di Alessio Vinci.

    Con l’aiuto del Corriere della Sera stiliamo un piccolo bilancio dell’informazione tv del 2009. Su tutti spiccano i risultati di Annozero e Ballarò. Il programma di Michele Santoro, che ad inizio autunno 2009 ha rischiato di non partire, ha raccolto in media nelle 13 puntate finora andate in onda 5.244.000 telespettatori (21,18%): il clou si è toccato con la puntata dedicata alla escort Patrizia D’Addario – in onda il 1° ottobre – che ha raggiunto quota 7.300.000 (28.92%); al secondo posto quella del 17 dicembre sull’aggressione a Berlusconi con 6.100.000 telespettatori (24,81%). Michele Santoro tornerà in tv il 7 gennaio, appena la Befana avrà fatto piazza pulita delle feste.

    Ha sbaragliato le attese Ballarò, in costante crescita dai tempi del suo esordio (datato 2001) ma che quest’anno ha fatto incetta di ascolti: la media è del 16,18% contro il 15,7 dello scorso anno. La puntata più seguita è stata quella dedicata all’aggressione a Berlusconi, che ha raggiunto 5.165.000 telespettatori (21.03%) e che ha segnato il terzo prime time vinto dell’autunno 2009. Per rivedere Giovanni Floris bisognerà apsettare un po’ di più: Ballarò torna su RaiTre martedì 12 gennaio.

    Stabile Porta a Porta nonostante le due puntate in prime time, la prima, con la quale si è aperta la stagione, con ospite il premier Silvio Berlusconi – battuto però da L’Onore e il Rispetto – e quella dello scorso 14 dicembre sull’aggressione a Berlusconi, battuta dal Grande Fratello 10. La sua media di share si aggira sul 17,5%, ma nel confronto diretto con Matrix non c’è storia.

    Il programma di Canale 5, orfano di Enrico Mentana, ha subito un vertiginoso calo di ascolti, con un divario che vede ormai Matrix sotto del 7% in media contro Bruno Vespa. La media stagionale, considerando anche la puntata leggera del venerdì che non ha contro Porta a Porta, è del 14,1%. Per ora, però non si prevedono né cambi alla conduzione né sostituzioni con altri programmi.

    Buoni, in chiusura, i risultati de La7: la stagione di Otto e Mezzo si chiude con un amedia del 3,3%, quella de L’Infedele di Gad Lerner col 4,3% (+77% rispetto allo scorso anno), Exit cresce dell’11% raggiungendo il 4,2%, mentre Niente di Personale di Antonello Piroso registra una media del 3,7%, per una crescita del 37% rispetto alla scorsa stagione.

    Le crisi politiche fanno bene all’informazione: di questo passo il 2010 potrebbe essere ancora più ‘soddisfacente’ per Santoro & Co.