Articolo 18, figuraccia dei politici ad Agorà: in molti non sanno cos’è [VIDEO]

Articolo 18, figuraccia dei politici ad Agorà: in molti non sanno cos’è [VIDEO]

I politici italiani? Nel 90% dei casi non hanno la minima idea di cosa sia l’articolo 18, il tema più caldo della riforma del lavoro stilata da Mario Monti ed Elsa Fornero, che tra pochi giorni il Parlamento sarà chiamato a votare

da in Attualità, Programmi TV, Rai 3, Video
Ultimo aggiornamento:

    I politici italiani? Nel 90% dei casi non hanno la minima idea di cosa sia l’articolo 18, il tema più caldo della riforma del lavoro stilata da Mario Monti ed Elsa Fornero, che tra pochi giorni il Parlamento sarà chiamato a votare. E così Agorà, il programma mattutino di Rai 3 ha provato a chiedere ai nostri rappresentanti quale sia il contenuto dell’articolo 18 e cosa sia lo Statuto dei Lavoratori, o quando è nato: le risposte? Devastanti (in alto il video).

    Io ne so pochissimo, sono nella commissione trasporti‘, Marco Desiderato della Lega Nord. ‘Quando verranno a dirmi che dobbiamo votare sull’articolo 18 io che farò? Mi documenterò‘, Pippo Gianni, Popolari Italia Domani. ‘La legge che ha rifatto il sistema della occupazione giovanile‘, Angelo Sanza, Udc. ‘L’articolo che permette il licenziamento senza giusta causa, si applica alle imprese più piccole‘, Pino Pisicchio, Api. ‘L’articolo 18? Credo che sia stata fatta negli anni ’80‘, Antonio Rugghia, Pd. ‘Il numero della legge? Beh, se vuole il numero della legge… a me interessano i contenuti, non…‘, Francesco Barbato, Idv.

    Questa legge? Beh, credo che abbia almeno 7-8 anni‘, Raffaele Calabrò, Pdl.

    Queste alcune delle sconsolanti risposte fornite nei primi due minuti e mezzo dai nostri parlamentari ad Agorà, la trasmissione del mattino di Rai3 condotta da Andrea Vianello: una pochezza desolante, considerato che proprio queste persone – che siano esse favorevoli, contrarie o indecise – saranno chiamate, tra pochi giorni, a votare la riforma sul lavoro stilata dal governo Monti, che prevede dei cambiamenti radicali all’articolo 18, al centro di una vera e propria ‘guerra’ tra governo e sindacati (con alcune eccezioni).

    L’articolo 18, riporta Wikipedia, implementa la cosiddetta tutela reale disciplinando il caso di licenziamento illegittimo (perché effettuato senza comunicazione dei motivi, perché ingiustificato o perché discriminatorio) di un singolo lavoratore nelle unità produttive con più di 15 dipendenti (5 se agricole); nelle unità produttive con meno di 15 dipendenti (5 se agricole) se l’azienda occupa nello stesso comune più di 15 dipendenti (5 se agricola); nelle aziende con più di 60 dipendenti. L’articolo 18 è uno degli articoli più noti dello Statuto dei lavoratori, la legge n. 300 del 20 maggio 1970, recante ‘Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento’, che è una delle norme principali del diritto del lavoro italiano. Uno dei pochi che lo sapeva, per la cronaca, è Enrico Pianetta del Pdl, che a domanda dell’intervistatore risponde: ‘E’ una legge del 1970 dello Statuto dei lavoratori, ci mancherebbe altro‘. Appunto.

    477

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàProgrammi TVRai 3Video
    ALTRE NOTIZIE