Arrested Development, secondo Ron Howard ‘film e serie tv non hanno una data certa’

Mitch Hurwitz ci sta lavorando alacremente alla miniserie e al film di Arrested Development, ma ancora non c’è una data specifica di inizio delle riprese

da , il

    arrestedlogo0sf

    Il film e la miniserie di Arrested Development? Mitch Hurwitz ci sta lavorando, ma ancora non c’è una data specifica di inizio delle riprese, ha detto Ron Howard, producer e narratore della serie, al sito Collider, il che significa probabilmente che il 2013, data già di per sé incerta, potrebbe non essere l’anno buono per rivedere sullo schermo le avventure della famiglia Bluth.

    Dopo anni di attesa, a noi fan di Arrested Development, show cancellato nel 2006 da Fox, ci sembrava di aver infilato una serie di buone notizie: nei giorni scorsi, lo ricordiamo, è emerso non solo che il film ci sarebbe stato, ma che Netflix avrebbe trasmesso 10 episodi originali di AD che faranno da ponte tra la serie tv e il film che da anni è in cantiere e ognuno dedicato ad un singolo personaggio, di cui ci verranno raccontati gli avvenimenti salienti capitati tra serie tv e film.

    Oggi, però, l’ennesima doccia gelata di Ron Howard, narratore della serie, producer dello show e del film, secondo cui al momento ‘non c’è una data di partenza specifica, anche se Mitch Hurwitz sta lavorando molto velocemente per far sì che tutto sia a posto presto‘. Howard ha spiegato di non voler stressare l’autore chiedendogli una data certa, anche perché ‘Mitch sta lavorando a questo progetto di più da un anno, ed è a buon punto: ma la sfida è grande, stiamo parlando di dieci episodi, o dieci presentazioni dei personaggi, che dovranno aggiornare i telespettatori sulla famiglia Bluth e su quello che è successo nel frattempo‘.

    I dieci episodi della miniserie di Arrested Development serviranno insomma a ‘scaldare’ l’audience in attesa del film vero e proprio: ‘Dobbiamo riacclimatarci tutti, e penso Mitch ha delle idee molto ilari su come questi personaggi, quattro o cinque anni dopo, si sono fatti strada nel mondo, cosa hanno fatto e cosa stanno facendo, come si collegano l’uno con l’altro. E’ della roba molto divertente e anche un po’ stravagante – ha concluso Howard – a Mitch piace molto scavare nelle vite della famiglia Bluth‘.