Arrested Development, la miniserie nel 2013 su Netflix

Arrested Development, la miniserie nel 2013 su Netflix

Sarà Netflix a trasmettere (nel 2013) la miniserie in 10 episodi di Arrested Development che servirà da ponte tra serie tv e film

da in Arrested Development, Film, Netflix, Serie Tv, Serie TV Americane, Video, Web, Miniserie
Ultimo aggiornamento:

    Sarà Netflix a trasmettere, nel 2013, la miniserie di Arrested Development che sarà il ‘collegamento’ tra la serie tv vera e propria e il film di cui si parla da mesi: il servizio di streaming online ha vinto la ‘guerra’ con Showtime, anch’essa interessata alla miniserie di Mitch Hurwitz, ora manca la cosa più importante, ossia raggiungere un accordo con gli attori protagonisti, dettisi a parole d’accordo con il progetto.

    Dopo Family Guy e Futurama, la 20th Century Fox TV resuscita anche Arrested Development, show cancellato qualche anno fa che ora tornerà, nel 2013 su Netflix, con 10 episodi originali che faranno da ponte tra la serie tv e il film che da anni è in cantiere: non è chiaro quanti saranno gli episodi – nove o dieci – ma come anticipava Mitch Hurwitz qualche settimana fa, ognuno sarà dedicato ad un singolo personaggio, di cui ci verranno raccontati gli avvenimenti salieti capitati tra serie tv e film.

    Quando ho cominciato a lavorare alla sceneggiatura – aveva spiegato Hurwitz a proposito della scelta della miniserie – ho capito che era passato tanto tempo e ho scoperto che c’era ancora qualcosa da raccontare: il cosa hanno fatto i personaggi negli ultimi cinque anni è diventato una gran parte della storia, ed eravamo arrivati a metà sceneggiatura, peraltro dando solo cinque minuti per la storia di ogni personaggio, prima che la famiglia Bluth si riunisse‘.

    Trovato il canale, manca ora l’accordo con gli attori, per quanto Will Arnett, Jason Bateman, Portia de Rossi, Michael Cera, Tony Hale, Jeffrey Tambor, David Cross, Alia Shawkat e Jessica Walter si sono detti interessati a riprendere i loro storici ruoli.

    Contenti anche i produttori Brian Grazer e Ron Howard (anche narratore dello show), secondo cui ‘Tutti hanno sempre pensato che la famiglia Bluth se ne fosse andata troppo presto, e se resuscitare una serie è sempre una cosa difficile, Arrested Development ci ha dimostrato di essere una serie non convenzionale‘.

    365

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Arrested DevelopmentFilmNetflixSerie TvSerie TV AmericaneVideoWebMiniserie