Annozero sì o no? Vertice decisivo tra Masi e Santoro

Prima riunione di redazione oggi, 1° settembre, per Annozero, ma non si è ancora trovato un accordo tra Masi e Santoro: il dg Rai chiede che venga messa a punto una nuova trasmissione, Santoro vuople tornare in onda con Annozero

da , il

    Michele Santoro

    E’ durato quattro ore l’incontro svoltosi ieri tra Michele Santoro e il dg della Rai Mauro Masi per definire il futuro di Annozero: nei giorni scorsi Masi ha puntualizzato che la sentenza del tribunale che ha deciso il reintegro di Santoro in azienda non si traduce automaticamente nel ritorno di Annozero, ma lascia margini perché si produca un nuovo programma. Ma sempre stamattina è prevista la prima riunione di redazione per gli autori in vista della prima puntata, in calendario per il 23 settembre.

    Si sa poco di quanto si son detti ieri Michele Santoro e Mauro Masi in quella che doveva essere la riunione decisiva per sbloccare definitivamente la questione Annozero: pare che le quattro ore di incontro non siano servite a molto, con Santoro deciso a tornare in onda con Annozero e Masi deciso a fare in modo che venga prodotto un nuovo format. Ma i tempi sono davvero risicati e questa mattina si terrà la prima riunione di redazione del programma, in palinsesto dal 23 settembre su RaiDue. Stando, però, ad Affari Italiani, la questione non sta tanto nel ‘titolo’ del programma, quanto nella gestione dei contenuti: Santoro non ha certo intenzione di passare al vaglio dei vertici Rai prima di andare in onda, come del resto chiesto dall’azienda da anni. Il punto, quindi, potrebbe essere il mantenimento della struttura talk in diretta: forse in Rai si sentirebbero più tranquilli con docu-fiction pre-realizzate, quindi visionabili, piuttosto che trovarsi a fronteggiare una diretta.

    Qualcosa in più potrebbe scoprirsi proprio dopo la riunione, nella quale Santoro avrà modo di fare il punto della situazione con i suoi collaboratori. Intanto dal centrosinistra si alza la voce di Francesco ‘Pancho’ Pardi (capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione di Vigilanza Rai), sempre in campo nelle questioni relative all’informazione Rai: “Santoro deve tornare in onda con Annozero – ha dichiarato Pardi in una nota – Ogni pretesa di imporre un format diverso da quello preesistente costituisce un modo per snaturare le caratteristiche del programma solo perché dà fastidio a Berlusconi e punta a realizzare la più intollerabile cancellazione delle libertà espressive nel servizio pubblico“. E aggiunge: “Masi rinunci a ogni proposito censorio e tolga finalmente i punti interrogativi che ancora accompagnano la messa in onda di Annozero“. Aspettiamo le dichiarazioni di Michele Santoro e le decisioni della redazione.