Annozero, Michele Santoro fa gli auguri alla Lei (video)

Annozero, Michele Santoro fa gli auguri alla Lei (video)

Michele Santoro fa gli auguri al nuovo dg della Rai, Lorenza Lei, chiarendo subito che il cambio della guardia non si traduce in un armistizio: Santoro è sempre sul piede di guerra

    Michele Santoro fa gli auguri al nuovo direttore generale della Rai, Lorenza Lei, ovviamente alla sua maniera, ovvero nell’anteprima di Annozero. “Speriamo che sia femmina” dice Santoro citando Monicelli e augurandosi che con una ‘Lei’ vengano “ripristinate le regole della televisione“. Non manca un’ultima stoccata a Mauro Masi (ricevuto peraltro questa sera a Palazzo Grazioli dal Premier Berlusconi), o meglio alla sua gestione, e ai suoi tanti casi ‘aperti’ con la giustizia. In alto il video dell’anteprima di Annozero di giovedì 5 maggio 2011.

    In bocca al lupo al nuovo direttore generale della Rai e speriamo che si possano ripristinare le regole della televisione, perché altrimenti per quanto ci riguarda saranno di nuovo i giudici a dover parlare“: così Michele Santoro ‘accoglie’ il nuovo direttore generale della Rai, Lorenza Lei, nominata all’unanimità dal CdA due giorni fa. Un augurio che è già una ‘velata’ minaccia di ‘guerra’ o perlomeno non ha il sapore di un ‘armistizio’: in ballo, infatti, c’è il terzo grado di giudizio per una delle tante ’cause’ ancora aperte tra la Rai e il giornalista e Santoro lo puntualizza subito.


    Come tutti sanno - ha infatti aggiunto Santoro – fra poco i giudici della Cassazione dovranno valutare le sentenze di primo e secondo grado che ci riguardano. Sentenze di cui molti parlano ma che nessuno va a leggere, perché altrimenti non si direbbero sciocchezze come quelle che sono stati i giudici a decidere che Annozero vada in onda sempre alla stessa ora e che Santoro abbia sempre lo stesso tipo di programma nello stesso palinsesto vita natural durante”. Evidente stoccatina ‘postuma’ a Masi. “Non è così – continua Santoro – perché i giudici hanno valutato gli accordi in essere e hanno espresso la loro valutazione su accordi che sono modificabili, migliorabili e che quindi possono essere fatti nel nome, negli interessi superiori della Rai“.

    Insomma, la guerra tra Santoro e la Rai non è chiusa: vedremo col ‘cambio’ della guardia come evolverà.

    354

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI