Annozero di nuovo in dubbio: Masi porta Santoro in tribunale

Annozero di nuovo in dubbio: Masi porta Santoro in tribunale

Mauro Masi rifiuta l'arbitrato interno e porta Santoro in tribunale: le prossime due puntate di Annozero, quindi, sono di nuovo a rischio

    Nuove nubi su Annozero: la puntata di giovedì 21 è di nuovo a rischio. Il ricorso all’arbitrato annunciato e formalizzato da Michele Santoro, che ha congelato di fatto la sospensione di 10 giorni decisa da Mauro Masi, non è andato giù all’antagonista (ormai si prefigura sempre più come tale) di Michele Santoro. Il dg della Rai, quindi, annuncia di voler ricorrere alla giustizia ordinaria per dirimere la questione disciplinare che vede il giornalista salernitano colpevole di aver mandato a ‘affanbicchiere’ il suo ‘capo’. Masi, quindi, non accetta l’arbitrato e cerca di bloccare ancora la messa in onda di Annozero.

    Mauro Masi rifiuta il ricorso all’arbitrato interno, formalizzato da Michele Santoro e dai suoi legali, per la soluzione del caso disciplinare nato dopo la prima puntata stagionale di Annozero, nella quale Santoro ha mandato il Dg Rai a ‘vaffanbicchiere’, ricevendo una sanzione di 10 giorni di sospensione dal video e dallo stipendio. Una sospensione che avrebbe fatto saltare le prossime due puntate di Annozero, ma alla quale Santoro ha risposto facendo ricorso a un collegio arbitrale interno alla Rai, mossa che ha garantito il congelamento della sanzione.

    Da qui la ‘sicurezza’ della messa in onda di Annozero la prossima settimana: in attesa delle decisioni dell’arbitro, infatti, è previsto il blocco della sanzione.

    Ma Masi non ci sta: evidentemente per lui il problema non è Santoro in quanto tale, ma il suo programma e cerca ogni via per evitare che almeno per due settimane vada in onda. Da qui l’annuncio di qualche minuto fa, ripreso da un’intervista rilasciata da Masi a Gianluigi Paragone e che andrà in onda nella puntata de L’Ultima Parola di questa sera: “Non accettiamo questo arbitrato: la Rai andrà dal giudice ordinario, perché la legge lo consente, dal momento che riteniamo di essere pienamente nel diritto“. “Annozero andrà in onda giovedì prossimo?” chiede quindi Paragone; “Questo lo vedremo” ha risposto Masi.

    Mossa meditata, peraltro, quella dell’intervista a L’Ultima Parola: nel pomeriggio, infatti, le agenzie riportavano di una riniune dei vertici Rai per valutare l’opportunità di chiarire in tv la posizione dell’azienda sulla vicenda e i motivi che hanno portato alla sanzione disciplinare nei confronti del conduttore di Annozero. Una sorta di risposta all’anteprima di Michele Santoro, seguita ieri da più di 5 milioni di telespettatori (in media 6 per tutto il programma). Evidentemente Masi e i dirigenti Rai hanno ritenuto L’Ultima Parola (l’anti Annozero) il set migliore per rispondere a Santoro.

    474

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI