Anna Marchesini, lezione di vita a Domenica In: ‘Malata ma felice, torno a teatro’

Anna Marchesini, lezione di vita a Domenica In: ‘Malata ma felice, torno a teatro’

Anna Marchesini ospite di Mara Venier a Domenica In: 'Sono malata, ma torno a teatro'

    Anna Marchesini

    Ci ha fatto ridere per anni e, nonostante la malattia o forse proprio a causa di questa, oggi ci regala una lezione di grande dignità, e di vita: Anna Marchesini è stata ospite nel pomeriggio di ieri a Domenica In, dove ha presentato la sua ultima fatica, Moscerine, raccolta di racconti che porterà anche a teatro.

    Grandissima attrice e indimenticata protagonista del trio Marchesini-(Tullio) Solenghi-(Massimo) Lopez, Anna Marchesini ha da qualche anno scoperto la scrittura, sviluppando una passione che aveva fin da piccola:

    ‘Già da bambina volevo scrivere, ma confrontandomi con i grandi della scrittura, mi chiedevo che senso avesse rompere il silenzio dopo che l’avessero fatto dei giganti prima di me. Poi dopo aver letto Proust qualche anno fa ero così piena di sensazioni ed emozioni che ho cominciato a scrivere, dicendo a me stessa che lo facessi solo per me. Poi ho smesso di scrivere per me e qualcuno si è preoccupato di pubblicarmi.’

    Perfezionista fin da piccola, Marchesini ha trasposto questa sua ‘maniacalità’ – in senso buono – anche all’apice del successo, anche se col tempo ha imparato a piacersi di più:

    ‘Rivedendomi adesso che sono più anziana mi piaccio tanto: I primi anni mi guardavo con sguardo molto critico, adesso mi osservo con amore. I personaggi che ho fatto chiacchierano tutti dentro di me’.

    Marchesini è malata di artrite reumatoide e, ospite di Mara Venier (a tre settimane dall’ultima apparizione tv, nel salotto di Fabio Fazio), ha presentato Moscerine, nove racconti a forte carica umoristica in cui l’attrice ci mostra come aspetti microscopici talvolta invisibili dell’esistenza possono ribaltare il racconto e costringere l’autrice a riscrivere la storia. Racconti non necessariamente basati sull’esperienza personale della Marchesini, che però ci regala uno ‘spezzone’ di quotidianità:

    ‘La mia ultima Moscerina è stata il mio incontro con la magnesia… ne ho presa una puntina perché avevo acidità di stomaco. E poi ancora, e ancora: ne prendo mezzo cucchiaino e mi passerà… durante la notte mi sono svegliata in un pantano. Ho capito cosa significa, anche per un’inavvertenza, perdere completamente il controllo del proprio corpo. Un’esperienza pazzesca, anche dal punto di vista psicologico’.

    La Marchesini insegna anche una grande lezione di vita:

    ‘Oggi sono terribilmente e drammaticamente felice.

    in grammatica si chiamano ossimori, ma non è una contraddizione, piuttosto una precisazione. Non c’è qualcosa che mi rende felice, momenti no li ho anche io, ma è qualcosa che sento dentro, quello che ho ottenuto perlopiù l’ho cercato e quello che ho cercato, partendo da una bambina molto paurosa con un senso di abbandono fortissimo, è il coraggio. Mi rende felice cercarlo, averlo, non averlo ancora ma sapere di sentire la vita dentro di me. La sento forte, intensamente, ma la sento anche in maniera grottesca, in maniera comica. Sono sicura che c’è.’

    E coraggio, a suo modo, è anche tornare a teatro:

    ‘Il prossimo anno sarò a teatro con l’ultimo racconto del mio libro. Lo farò da sola in scena, è un racconto che leggerò e di cui reciterò tutti i personaggi’. Cosa vorrei per Natale? Vorrei che il libro raggiungesse tantissime persone, come un’alta marea che le allagasse di gioia ed emozione.

    595

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI