Anche Michele Maddaloni vuol diventare Signorino buonasera

Anche Michele Maddaloni vuol diventare Signorino buonasera

Saltellando sulle punte di format in format, Michele Maddaloni, ballerino di danza classica che ha partecipato ad una delle edizioni di “Amici di Maria De Filippi” (la seconda, se non andiamo errati), annuncia la sua adesione alla “crociata” di Max Cordeddu per diventare signorino buonasera

    michele maddaloni

    Saltellando sulle punte di format in format, Michele Maddaloni, ballerino di danza classica che ha partecipato ad una delle edizioni di “Amici di Maria De Filippi” (la seconda, se non andiamo errati), annuncia la sua adesione alla “crociata” di Max Cordeddu per diventare signorino buonasera.

    “Anche io, scrive Maddaloni in una nota, voglio partecipare alla battaglia iniziata da Cordeddu, affinché le reti generaliste, sia RAI che e Mediaset, aprano anche agli uomini le selezioni per ricoprire l’importante ruolo di annunciatore dei programmi TV, fino ad oggi riservato alle sole donne”.

    Al momento non sappiamo dirvi quale torto pensa di aver subito Maddaloni, ma pare che il “nostro” abbia provato a proporsi a vari canali televisivi che avrebbero, più o meno cortesemente, rifiutato la sua candidatura. Se fino a pochi mesi fa Maddaloni era, diciamo così, rassegnato (nessun cenno di protesta in merito alle sue esclusioni), la battaglia di Cordeddu pare averlo ringalluzzito, tant’è che il (ex?) ballerino di “Saranno Famosi” dell’epoca ha deciso di unirsi all’ex presentatore sardo di Eco TV.

    “Con Cordeddu, annuncia Maddaloni, parteciperò al ricorso che intende presentare al TAR del Lazio.

    Non mi si può accusare nemmeno di avere una cattiva dizione, come hanno fatto con Max per la sua lieve cadenza sarda, in quanto sono diplomato al Teatro dell’Opera di Roma e ho seguito un ulteriore corso, durante ‘Amici’, con la bravissima Fiorella Mari“.

    Forte di questo curriculum (mica tutti, eh), Maddaloni fa sapere come “nel caso che le istanze di Cordeddu, presentate all’Autorità per la Garanzia nelle Comunicazioni, al Ministero delle Pari Opportunità e al Ministero dell’Economia, azionista di maggioranza della RAI, non raggiungano lo scopo sperato, mi unirò alla causa di fronte al TAR del Lazio, per ottenere giustizia“.

    Mentre la redazione di televisionando, composta da sole donne (che sostengono Cordeddu, eh, ma vorrebbero pure continuare a primeggiare in qualche campo), si chiede se quella di Maddaloni non sia una sortita per ottenere una qualche pubblicità da una cosa in cui Max crede invece veramente (d’altronde, ipse – Maddaloni – dixit qualche tempo fa, “Noi ballerini facciamo molta fatica a trovare uno spazio in tv perchè stanno eliminando i corpi di ballo”), Michele pare rassicurarci tutti.

    Mi auguro, conclude infatti Maddaloni, che anche altri ragazzi della mia stessa età, vogliano unirsi in questa ‘class action all’italiana’, promossa dal sito www.signorinobuonasera.it, che se accolta dal giudice amministrativo e sanzionata in seguito da una sentenza favorevole alla nostra istanza, avrà l’indubbio merito, di riuscire finalmente a rendere la RAI, più accessibile e trasparente per tutti i cittadini”.

    …purché anche gli altri giovani non siano ex celebrità (?) in cerca di un altro quarto d’ora di gloria…

    544

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE