Amministrative 2011, Agcom richiama il Tg3: più spazio al centrodestra

Amministrative 2011, Agcom richiama il Tg3: più spazio al centrodestra

L'Agcom richiama il Tg3 per l'intervista ad Antonio Di Pietro, notifica le multe ai cinque tg che hanno intervistato Berlusconi venerdì scorso e invita Studio Aperto al riequilibrio nelle ultime ore di campagna elettorale

da in Agcom, Attualità, Informazione, Rai, TG 3, par-condicio, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Tg3 Bianca Berlinguer

    A poche ore dall’entrata in vigore del silenzio elettorale, che caratterizzerà l’intera giornata di domani e proseguirà fino al termine delle operazioni di voto per il ballottaggio delle Amministrative 2011, l’Agcom richiama il Tg3 a un maggiore pluralismo, invitando il direttore Bianca Berlinguer a dare più spazio al centrodestra. L’Autorità accoglie, quindi, gli esposti del Pdl, mentre notifica ai cinque Tg che hanno trasmesso venerdì scorso l’intervista al premier Berlusconi le salatissime multe, che agitano Rai e Mediaset.

    L’Agcom richiama il Tg3 a un maggiore equilibrio e Bianca Berlinguer fa buon viso a cattivo gioco. “Si tratta di un richiamo che sembra rispondere in primo luogo a esigenze di equilibrio politico, teso a dimostrare una sorta di par condicio nelle violazioni e di conseguenza nelle sanzioni, pur se significativamente diversificate” scrive in una nota dal ‘vago’ sapore polemico il direttore del Tg3. A scanso di equivoci aggiunge che “al TG3 viene rimproverata un’intervista ad Antonio Di Pietro trasmessa mentre quasi tutte le altre televisioni ospitavano un soliloquio di Silvio Berlusconi, ma si dimentica che in quella settimana, nei giorni precedenti, nella stessa collocazione, al TG delle 19, con una durata pressoché uguale erano stati intervistati due esponenti del centrodestra“.
    In ogni caso la Berlinguer ha accolto il richiamo dell’Agcom, dando spazio, nell’edizione di ieri sera, al senatore Gaetano Quagliariello del Pdl.


    Intanto l’Agcom ha notificato le multe di 258.000 euro al Tg1 e al Tg4, annunciate lunedì scorso, e quelle di 100.000 euro a Tg5, Tg2 e Studio Aperto. Mediaset ha già dichiarato di voler far ricorso al Tar e la Rai sembra essere dello stesso avviso. Per Studio Aperto, intanto, è arrivato un nuovo invito al rispetto della par condicio in vista di queste ultime ore di campagna elettorale, mentre per la puntata di Porta a Porta con Berlusconi ospite eventuali sanzioni potrebbero arrivare solo la prossima settimana, a elezioni ormai superate.

    377

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AgcomAttualitàInformazioneRaiTG 3par-condicioPolitica