Amici, Maria alla Commissione: “Sono stufa di voi”

Amici, Maria alla Commissione: “Sono stufa di voi”

Maria De Filippi si sfoga e accusa la Commissione di Amici di essere falsa e disonesta: "Sono stanca dei vostri giudizi falsi e tarocchi, di criteri inesistenti

    Sono stanca di discorsi finti, tarocchi, diversi da quelli che fate dietro le quinte, sono stufa di voti falsi! Vi metto in discussione tutte le domeniche ma non dite davvero quello che pensate: non siete solo insegnanti, ma anche talent scout, voi dovete capire al pubblico chi ce la può fare, chi è un vero talento. Finitela di fare i buoni davanti alle telecamere!“. Così parlò Maria De Filippi nel pomeridiano di oggi rivolgendosi a una Commissione che ormai ha perso di vista il suo ruolo. La corsa al recupero della credibilità di Amici è iniziata.

    La partecipazione a Sanremo ha fatto bene a Maria De Filippi: uscire dal recinto di Canale 5, vedere i propri allievi misurarsi con successo sul palco dell’Ariston, incontrare i giornalisti che le hanno aperto gli occhi sulle manovre dei tronisti a Uomini e Donne ha evidentemente spinto Maria ad avviare un bel processo di ‘ristrutturazione’ dei suoi programmi.

    Dopo il chiarimento a Uomini e Donne Maria è finalmente sbottata anche ad Amici. Non ne può più della commissione che non adotta chiari criteri di valutazione per le esibizioni delle sfide domenicali, quelle che influenzano anche il risultato del serale, che variano a seconda dei docenti e soprattutto degli allievi sulla base dei preferiti e delle contrapposizioni tra colleghi.

    Casus belli delle ultime due settimane la solitamente ‘ignorata’ Fioretta Mari, criticata nelle scorse settimane per i 9 e i 10 distribuiti generosamente in base alle ‘emozioni’ comunicate – come se si trattasse di una telespettatrice qualsiasi – e oggi decisa a votare sulla base della dizione, con un criterio del tutto arbitrario che non tiene conto dei ballerini e delle canzoni in inglese.
    Ma la Mari è solo la punta dell’iceberg di un andazzo che non convince Maria da mesi.
    Sono settimane che vi metto pubblicamente in discussione la domenica con i voti palesi, chiedendovi le motivazioni dei giudizi, ma la situazione non cambia. Siete inaffidabili, ma i ragazzi non hanno il coraggio di dirvelo fino in fondo perché avete il potere di salvarli al serale. Ma sono stanca di impegnare le mie giornate a spiegare e a giustificare ai ragazzi i vostri comportamenti e a convincerli a non lasciare la scuola. La prossima volta dico loro che la porta è lì, ma non sarò stata io a cacciarli”: Maria è un fiume in piena, è una furia e lascia basita la commissione che non si aspettava un attacco del genere. L’ipotesi pensata nelle ultime settimane è quella di una commissione esterna per le valutazioni domenicali, ma i docenti si oppongono: è qui che Maria si scatena, ricordando ai ‘commissari’ il proprio ruolo, o meglio finalmente facendo capire loro quale sia la loro responsabilità nella scuola.

    Voi non siete qui solo per insegnare, voi qui decidete anche chi salvare e chi no, avete un compito importante nel serale. Di insegnante puro qui c’è solo Mauro Astolfi, che prepara i ragazzi e non vota. Siete voi che dovete far capire al pubblico chi ha talento e chi no e che dovete dire ai ragazzi chi ce la può fare e chi no. Non potete continuare a fare i buoni, a dare sufficienze a tutti quando poi dietro le quinte dite che alcuni di loro meritano 4: “Tanto poi c’è la De Filippi che li sistema in un musical!” e ve ne lavate le mani. Non potete illuderli”.
    Insomma non basta insegnare tecnica e dare i voti alle esibizioni: bisogna essere talent scout onesti e chiari.

    Maria si sfoga e prende ad esempio Karima, ospite della puntata, giudicata da Gino Castaldo la migliore interprete di Sanremo 2009, dove è stata accompagnata da leggendario Burt Bacharach, ma massacrata durante Amici. “Questa ragazza si è fatta dei pianti qui incredibili, domandandosi perché non era considerata in grado di vincere Amici. Le sue certezze le ha ricostruite fuori, ma questi talenti devono essere riconosciuti prima qui e poi fuori”.
    E Maria non ha torto.

    Ho visto tutti voi prendersi il merito della vittoria di Marco Carta a Sanremo, ma non è così. Marco era indisciplinato e se fosse stato per voi sarebbe uscito dal programma. Grazia Di Michele si è presa tutte le colpe, ma non lo voleva nessuno”.
    Insomma Amici si riscopre Talent e non scuola: la dimensione scolastica, preminente nelle prime edizioni del programma, sulla scia della serie da cui aveva tratto ispirazione, Saranno famosi, ha lasciato da tempo spazio al talent puro, ma gli insegnanti non se ne sono accorti.
    E qui un po’ di responsabilità la diamo anche agli autori: scandaloso che Luca Zanforlin, in collegamento dalle casette delle squadre, a un certo punto faccia la mossa di voler andar via per non sentire le ipocrisie dei docenti. Una buona parte di responsabilità nel progressivo calo di credibilità della trasmissione ce l’ha anche lui, e il resto degli autori con lui, con un regolamento progressivamente impoverito delle proprie prerogative, con l’esasperazione delle liti tra allievi e docenti e tra gli stessi insegnanti, con gli rvm logorroici di gente che si parla addosso dicendo sempre le stesse cose senza arrivare a niente.

    Ma lo sfogo di Maria ha obiettivamente spiazzato tutti: di fatto dà ragione alle posizioni di Alessandra Celentano che da tempi non sospetti accusa tutti di parzialità finendo per essere l’unica tacciata di favoritismi, che tratta con severità coloro che non reputa all’altezza di una carriera da ballerino, passando per la cattiva, mentre altri si fanno belli prendendo le difese di soggetti indifendibili, come Domenico Primotici. Il suo nome non viene fatto, ma aleggia con decisione.

    Per nessun docente Martina può vincere il programma: perché? Nessuno vuole dirglielo, ma l’unico modo per farla crescere è dirglielo con chiarezza. Avete dovere di chiarezza e onestà di giudizio nei confronti dei ragazzi e l’obbligo di dire ai ragazzi chi ce la può fare e chi no. Con i vostri voti non fate che generare confusione nei ragazzi e al pubblico a casa. Siete voi che dovete far capire al pubblico a casa che devono televotare i talenti e non in base alle simpatie. E lo dovete fare con le vostre valutazioni tecniche, io non sono in grado: io posso mettere in evidenza le storie, le simpatie, le antipatie, i caratteri, ma il resto spetta a voi”.
    Insomma Maria cerca di fare definitivamente chiarezza sul proprio ruolo, su quello dei docenti e sull’obiettivo della trasmissione e lo fa volutamente davanti alle telecamere dopo mesi di parole inutili spese dietro le quinte. “La credibilità si perde domenica dopo domenica e si costruisce giorno dopo giorno”: le tante critiche giunte alla trasmissione anche attraverso i vostri commenti e le critiche su blog e stampa alla fine hanno avuto effetto. Speriamo davvero che chiuso un ciclo, Amici riesca a ritrovare una dimensione onesta e credibile.

    Giusto per la cronaca, la sfida domenicale è stata vinta dai Blu che sommeranno mercoledì un punto percentuale ai risultati del televoto. In tutto questo mancano tre puntate alla fine del serale: la finale potrà essere a quattro o a tre, c’è in ballo l’ipotesi di una doppia eliminazione.

    Comunque Maria, la sanguinaria moralizzatrice, ha ragione: di fatto sta cercando di riprendere le fila dei suoi programmi di punta che le sono evidentemente sfuggiti dalle mani. Consigliamo a Maria di rivolgersi non solo alla commissione ma anche agli autori: non sono proprio degli angioletti incolpevoli. E di dare anche un’occhiata alle logiche che regolano i casting: lasciare fuori veri talenti, come furono Anbeta e Leon, alla ricerca di un maggior grado di identificazione del pubblico con i protagonisti del programma non fa bene ad Amici e non solo illude gli allievi ammessi ma anche tantissimi ragazzi a casa che credono di poter facilmente ottenere visibilità e notorietà pur non brillando per capacità. Di Grande Fratello ne basta uno.

    In basso la continuazione del video di apertura.


    1544

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI