Amici, il terrore corre tra i banchi

Amici 8 pare essere l'edizione più timorosa di tutta la storia del reality: allievi preoccupati di sbagliare, intimoriti dalle lezioni e dagli scontri tra docenti, con scarsa iniziativa e sempre in fuga dalle sfide

da , il

    Stando alla Commissione, quella di Amici 8 è la classe meno coraggiosa della storia del talent di Canale 5. Ansia, paura di sbagliare, lezioni contraddittorie gettano nello sconforto molti allievi, che cercano in tutti modi di fuggire le sfide estemporanee. Solo Luca Napolitano, di fronte a una commissione indecisa, decide di proporsi. E’ lui uno dei quattro sfidabili della settimana.

    Sono soprattutto i maestri di canto (Gabriella Scalise, Grazia Di Michele, Fabrizio Palma, Peppe Vessicchio, Luca Jurman e Pino Perris) a lamentarsi della scarsa intraprendenza dei propri allievi e del loro continuo scarso rendimento nelle verifiche.

    “Avete perso anche la possibilità di mettervi alla prova nella rotazione della sigla”, dicono Palma e Jurman mai così d’accordo, di fronte al tentativo fallito di Mario Nunziante. Per scelta della classe domani la sigla torna a Valerio Scanu, mentre la commissione è divisa tra il dare una nuova chance a Valerio o il premiare la migliore qualità di Luca Napolitano. Luca peraltro divide la commissione anche nella verifica: Fabrizio, Peppe e Pino, colpiti dal suo carattere e dalla sua capacità di mettere sempre qualcosa di sè nelle sue interpretazioni, vogliono sentirlo cantare di più e su più tipi di canzoni. Grazia, Gabriella e Luca, soddisfatti del suo rendimento scolastico, invece, non ritengono necessaria una sfida. Alla fine Luca decide di prendere la parola e di scegliere in prima persona: si rende sfidabile e poi si propone ai compagni che gli offrono questa chance, salvando ancora una volta la timorosissima Silvia Olari, di nuovo messa in sfida dai docenti per la sua palese incapacità di superare l’ansia da prestazione.

    Stiamo, per chiarezza, parlando della Squadra del Sole: qualora domani dovesse perdere nella sfida interna con la Luna, andranno alla sfida estemporanea Luca Napolitano (come detto) e Alice Bellagamba, risultata zoppicante anche agli esami di sbarramento.

    Anche per lei la comissione spera in uno sblocco emotivo. Lei ne è consapevole, ma piange di fronte a Mauro Astolfi che non crede alle sue parole. “Ci sai dicendo che hai capito qual è il problema, che vuoi andare in sfida per migliorare, ma sembra che stia recitando una parte. Non ci credi davvero. Tira fuori quello che sei con il ballo, non con le parole”. Tra parentesi è da apprezzare la seraficità di Astolfi, davvero uno dei migliori insegnanti finora visti ad Amici.

    Per la squadra della Luna sono giudicati dalla commissione sfidabili Pamela Scarponi (“Non ci convinci, osa, il serale si avvicina” le dice Jurman), Mario Nunziante (“Sei troppo fermo sui tuoi pezzi, mettiti alla prova”) e Francesco Di Nicola, protagonista di una piccola polemica con Jurman. “Sono confuso – dice Francesco – ogni professore mi dice di fare una cosa diversa e alla fine non midiverto più a cantare. Sto sempre attento a fare la frase come chiede Palma, l’intonazione come vuole Gabriella, la dinamica come dice Jurman e alla fine non faccio uscire le mie emozioni. Quando canto voglio emozionarmi, quindi farò delle scelte”. Come a dire che ha già scelto un orientamento didattico, ovvero quello della scalise e della Di Michele. E Jurman: “Prima di pensare alle emozioni pensate alle basi che mancano”. La risposta di Francesco fa uscire di nuovo fuori il carattere un po’ presuntuoso dell’allievo, smorzatosi negli ultimi tempi di fronte alla ‘confusione didattica’: “Addirittura, ora mi mancano anche le basi!”. “Ma davvero credete di essere cantanti eccezionali?” risponde a propria volta Jurman, mettendo a tacere la questione. Prima il dovere poi il piacere, l’estrema sintesi della discussione.

    Alla fine tra i tre cantanti (nessun ballerino sfidabile per la Luna) si propongono, ob torto collo, Pamela e Francesco, salvo Mario.

    Ultima notazione per il piccolo chiarimento avuto ad inizio puntata tra Adriano Bettinelli e Alessandra Celentano: alla base un rvm in cui Adriano si lamentava del confronto con Leon chiesto dalla Celentano nella scorsa puntata per mettere in evidenza le sue scarse doti fisiche. Ad Adriano non è sfuggito nulla di offensivo, per fortuna, anzi ha bonariamente preso in giro la Celentano che lo aveva anche ripreso perché non conosceva una celebre ballerina di danza classica, Sylvie Guillaume. “E’ vero è una mia mancanza, ma lei conosce Don Campbellock? No? E’ l’inventore del locking (hip hop, ndr). Uno a uno, palla al centro”. E così senza troppe urla e polemiche, Adriano risponde a tono alla Celentano. Chapeau. Rivediamo il pezzo.

    Domani l’ennesima sfida interna con annesse sfide estemporanee, con Maria De Filippi a partire dalle 14.10 su Canale 5.