Amici, gli autori garantiscono la correttezza del televoto

Amici, gli autori garantiscono la correttezza del televoto di domenica sera

da , il

    Il codice 1 attribuito alla squadra Blu e alla squadra Bianca

    Domenica sera, alla prima puntata del serale di Amici, si è verificato un piccolo “giallo”: in diversi momenti del programma la grafica in sovraimpressione ha “confuso” i numeri attribuiti alle due squadre, i Bianchi e i Blu, invertendoli. Sono sorti immediatamente sospetti sulla validità del risultato finale. Nel pomeridiano di oggi Luca Zanforlin ha letto un comunicato in cui garantisce il risultato.

    Alcuni attenti telespettatori ci hanno fatto notare un grave errore relativo alla grafica in sovrimpressione contenente le istruzioni per esprimere da casa la propria preferenza tramite il televoto. Infatti, a causa di errore umano, è andato in onda in alcune parti del programma, l’abbinamento al nome dei partecipanti della squadra dei blu, il numero 1 che in realtà è riferito alla squadra dei bianchi. Questo ha giustamente ingenerato il dubbio che il risultato finale del televoto potesse essere falsato. La produzione ha ritenuto doveroso effettuare lo spoglio di tutti i voti espressi tramite ognuno dei gestori telefonici, sottraendo quindi al computo a favore della squadra dei bianchi, tutti i voti recanti l’espressione di preferenza tramite il numero 1 e riassegnando gli stessi al computo dei voti a favore della squadra dei blu. L’esito di questo conteggio dettagliato non modifica il risultato finale della sfida che rimane comunque a favore della squadra dei bianchi. Ringraziamo i telespettatori che ci hanno segnalato questo errore, ci scusiamo doverosamente con tutti, nella certezza che tale errore non ricapiterà.”

    Questo il contenuto del comunicato pubblicato sul sito di Amici e letto ad inizio puntata da Luca Zanforlin, con sguardo serio rivolto in camera: non possiamo che crederci, confidando anche nella costante presenza del Codacons in studio e in redazione, anche perchè se così non fosse sarebbe davvero molto grave.

    Dopo questa precisazione si entra nel contenuto del pomeridiano: solite cortesie delle squadre nei confronti degli avversari e una novità, la possibilità per gli sconfitti di lanciare un guanto di sfida ai vincitori. In pratica la squadra sconfitta al serale, in questo caso i Blu, può proporre alla squadra vincitrice una prova su una materia a loro scelta, indicando anche i duellanti.

    Scattano immediati i calcoli di Marta, che cerca di imbastire una sfida ovviamente vantaggiosa in funzione delle posizioni in classifica e delle potenzialità dei singoli.

    La Classifica resa nota nel serale del 3 febbraio

    Accantonata l’ipotesi di una sfida di classico tra Francesco e Antonino, che avrebbe sicuramente fatto nascere fiumi di polemiche e che probabilmente si sarebbe alla fine rivelata controproducente per i Blu, visto che gli attacchi della Celentano ad Antonino avrebbero potuto stimolare il pubblico a votare per i Bianchi (furba, Marta, non c’è che dire), Marco si è proposto di sfidare Pasqualino. Vuole dimostrargli di saper cantare meglio di lui e addirittura vorrebbe sfidarlo sul suo cavallo di battaglia, A chi mi dice.

    Prima di prendere questa decisione, però, Marco chiede l’aiuto di Luca Jurman che prontamente si reca in casona per assisterlo e soprattutto cerca di farlo ragionare, senza offenderlo. Cerca di fargli capire che le loro doti sono differenti, che Pasqualino ha un’estensione maggiore della sua e che gli acuti del brano li fa senza sforzi, diversamente da quanto succede a lui. “Ma io come estensione me la cavicchio, se sono in giornata lo batto” dice Marco, e Luca di rimando: “Bravo, hai detto una cosa fondamentale, se sei in giornata“. Va dato atto a Luca che ha cercato di spiegargli che magari sarebbe preferibile scegliere un classico della musica italiana, magari un Baglioni d’antan, su cui far uscire il suo timbro, con una lettura nuova e personalizzata del brano che faccia capire chi è il “vero” Marco. Ma l’allievo non ci sta: “Voglio fare quella!“, peggio dei bambini, senza capire che è un’arma a doppio taglio.

    La sfida però non è stata ancora ufficializzata, ma i Bianchi vengono preallertati e immediatamente Roberta e Simonetta pensano che sia stata Marta a lanciare il guanto di sfida. Ma Marta è troppo fina e intelligente per rischiare in questo momento contro Roberta e Simonetta, meglio schierare Francesco, 6° in classifica, o Marco, sempre in testa. Comunque sapremo presto quale sarà la sfida proposta e se i Bianchi l’accetteranno: cosa tutto questo comporti ancora non è dato saperlo. A presto.