Amici e Sanremo, fischi ed eliminazioni eccellenti

Amici e Sanremo, fischi ed eliminazioni eccellenti

Amici e Sanremo appaiono sempre più gemellati: non solo per il travaso di volti noti di Mediaset ma anche per le accorate reazioni del pubblico e per le eliminazioni eccellenti

da in Amici 2017, Festival di Sanremo 2013, Luca Jurman, Reality Show, Talent Show, Festival di Sanremo 2009, silvia-olari
Ultimo aggiornamento:

    Mai come quest’anno Amici e Sanremo sono gemellate: ma questa volta non facciamo riferimento alla presenza di volti noti di Mediaset (dal conduttore Paolo Bonolis alla primadonna Maria De Filippi, da Marco Carta a Karima Ammar) ma al clima che si respira sui due palchi. Eliminazioni eccellenti all’Ariston con Al Bano costretto al ripescaggio e con Silvia Olari non salvata dalla Commissione che l’aveva accolta come un prodigio. Senza dimenticare il pubblico in studio/teatro: l’Ariston ormai reagisce come uno stadio.

    L’avevamo notato subito, fin dalla prima serata: il pubblico dell’Ariston quest’anno è davvero ‘indisciplinato’. Urla durante le presentazioni, applausi dosati come indice di gradimento, complimenti e osservazioni negative piombano sul palco dalle file buie del teatro. Un pubblico senza dubbio vivo, che si comporta come nei reality show. Se da una parte si può spiegare con la diversa dimestichezza che negli anni il pubblico ha acquistato con lo spettacolo in tv e con l’informalità del conduttore, che favorisce l’interazione, dall’altra parte si può più pragmaticamente motivare con l’ingresso in teatro della giuria demoscopica stipata in galleria.

    Quella stessa giuria che ha votato per l’eliminazione di Al Bano, Nicky Nicolai & Stefano di Battista e di Sal Da Vinci e ha fischiato contro se stessa al momento del verdetto, con l’ausilio della platea. Resistono le signore ingioiellate, i papillon sparsi in platea, ma l’animo è diverso: Sanremo è uno spettacolo popolare, anzi è tornato anche ad essere una gara, parteggiare e tifare fa parte del gioco; in più la tv ormai è vista come qualcosa che ‘ci’ appartiene. “La tv la fate voi” diceva venti anni fa il bravo presentatore Frassica da Indietro Tutta: il pubblico l’ha capito non solo per l’ormai onnipresente televoto, che li chiama in causa anche da casa, ma anche nei luoghi della tv, con la benedizione del conduttore di turno, che sia Bonolis o la Marcuzzi o la De Filippi.

    E a proposito di ‘parteggiare’, ormai Amici è arrivato ai limiti del concepibile.
    Stravolta ieri sera la struttura della gara: il kit di preparazione prove uguali per le due squadre ha lasciato spazio alla volontà dei docenti, diventati ufficialmente autori, capisquadra e giudici.
    Le esibizioni sono state di fatto scelte dalla commissione tra quelle proposte dai docenti stessi. Alcune erano state comunque preparate dagli allievi in settimana, altre, le Prove Prof, erano a sorpresa. Si tratta di esibizioni richieste dai docenti che hanno scelto un pezzo per mettere in evidenza le doti dei propri pupilli e sottolineare le differenze con qualcuno della squadra avversaria. Tutto questo, nelle intenzioni del programma, per chiarire al pubblico le differenze qualitative che distinguono gli allievi in gara e per allontanare dai docenti lil ‘sospetto’ di parzialità. Ipocrisia più grande, o se volete, stupidaggine più grande non poteva essere pensata.

    Ovviamente i docenti hanno proposto prove che evidenziassero le doti dei propri allievi mettendo in cattiva luce gli avversari: se non è parzialità questa! In più spesso giustificando le proprie scelte al contrario: “Ho scelto Caruso – dice ad un certo punto Jurman per far capire al pubblico che le doti interpretative di Alessandra sono maggiori di quelle di Luca, anche se questo pezzo è sicuramente più nelle corde di Luca”. Si vuol far credere al pubblico di aver scelto in brano che mette in difficoltà il proprio e favorisce l’avversario, confidando però nelle migliori qualità del proprio allievo. Ma il vero capolavoro Jurman l’ha riservato all’apertura del programma, quando ha fatto esibire Mario e Valerio su Cambiare di Alex Baroni, notoriamente nel repertorio di Valerio.

    Un delirio! Tanto più che gli autori hanno ‘puntato’ su pochi docenti: tre prove Prof sono toccate a Jurman, nel senso che sono nate da altrettante sue proposte, una è stata concessa ad Alessandra Celentano, mentre la prova proposta da Grazia Di Michele per evidenziare le doti di Luca è stata cancellata e di seguito ribaltata perché Alessandra, l’avversaria prescelta, aveva ‘mentito’, segnalando alla redazione di conoscere una canzone, Due di Raf. Ma in diretta è caduta dalle nuvole e Luca non se l’è sentita da sfidarla su un pezzo che non conosceva. Conclusione: la prova annullata è stata sostituita da un’altra segnalata da Jurman, Caruso. Per i dettagli però vi rimandiamo alla nostra blogcronaca. In basso la lista delle prove Prof.

    Le prove prof del 18 febbraio

    Stavamo per dimenticarci della Staffetta, prova di fatto gestita dagli allievi e dal pubblico a casa, una variante di Metti in Luce il tuo Talento. Per una mezz’oretta i prof sono rimasti alla finestra, permettendo così agli autori di essere pronti a rispondere alle immancabili critiche sul protagonismo dei docenti.
    Alla fine allievi, prove ed esibizioni sono diventati meri ‘strumenti’ di guerra tra docenti: altro che talent show, Amici è diventato una disfida tra ‘professionisti’ livorosi. In tutto questo alcuni docenti sono stati del tutto dimenticati: su tutti Steve LaChance che da quando è andata via Daniela non ha più il piacere di vedere in prima serata una propria coreografia.

    E alla fine a farne le spese è stata un talento, Silvia Olari. Il suo stile potrà non piacere, la ragazza potrà risultare antipatica, ma la sua eliminazione è la migliore dimostrazione della parzialità della commissione: la commissione di danza, toma toma e cacchia cacchia, l’ha fatta fuori per tutelare Alice, rivelatasi poi ultima in classifica e passibile di eliminazione. Ha ragione la Celentano, quindi, quando dice che tutti hanno le proprie classifiche (non solo il proprio preferito, cosa di per sè umana) ma che lei è l’unica a giocare a carte scoperte. Non si tutela il talento, si spinge avanti il proprio pupillo. Più che una scuola sembra un concorso universitario.

    Noi davvero non sappiamo più cosa pensare.

    1121

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Amici 2017Festival di Sanremo 2013Luca JurmanReality ShowTalent ShowFestival di Sanremo 2009silvia-olari
    ALTRE NOTIZIE