Amici, blogcronaca della nona puntata. Vincono i Bianchi, esce Marta

Amici, blogcronaca della nona puntata in diretta web

da , il

    La camicetta di Maria

    Altra sfida tra le squadre dei Bianchi e dei Blu questa sera nella nona puntata di Amici di Maria De Filippi. Grande l’attesa per scoprire quale squadra si aggiudicherà la vittoria e chi degli allievi dovrà abbandonare la gara “a un passo dal sogno”. In alto le prove di Marta e Pasqualino, cui potrebbe toccare la Prova Extra.

    Tra poco più di mezz’ora avrà inizio la nona puntata di Amici, quella che avrebbe dovuto incoronare il vincitore della settima edizione. Ma gli alti ascolti hanno “spinto” la finale al 16 aprile: solo allora sapremo chi porterà a casa il premio in denaro e lo stage negli Usa, in palio quest’anno. Oltre ad impegnarsi nelle prove, le due squadre hanno nel frattempo pensato anche a chi nominare in caso di vittoria: i Blu puntano massicciamente su Pasqualino, penultimo nella classifica di gradimento la scorsa settimana, con Roberta riserva e Susy ultima opzione; per i Bianchi, invece, il primo nome è quello di Marta, ultima nella classifica, con Francesco seconda scelta e Marco, sempre in testa, in caso di doppio salvataggio da parte della commissione o del pubblico.

    La classifica del televoto però non coincide con quella web del sito di Amici, che al 29 marzo, vedeva al primo posto Roberta Bonanno, con il 59% delle preferenze, secondo Marco Carta al 16%, seguito da Susy Fuccillo con l’11%, Pasqualino Maione (10%) e in coda pari merito con il 2% Francesco Mariottini e Marta Rossi.

    I nostri lettori, invece, vorrebbero vincesse Marco con un largo margine su Roberta (rispettivamente 43% contro 28%), mentre al terzo pozto si piazza Pasqualino (11%), seguito da Susy (7%), Francesco (6%) e Marta, sempre ultima qui con il 3%.

    Marco, insomma, resta uno dei protagonisti della settima serie di Amici, nonostante i continui alti e bassi. Cinque mesi di scuola e l’incoraggiamento della classifica non l’hanno però aiutato a superare alcune sue insicurezze, messe in luce dalla preparazione del brano di Barry White, My first, my last, my everything, come si può vedere nella prima parte del video in basso.

    Diverso il clima tra i Bianchi, tra i quali continuano a tener banco le imitazioni di Pasqualino, ormai posseduto dallo “spirito” del transilvanico Iancu: per spezzare la routine e la tensione delle prove generali, il cantante dei bianchi improvvisa una versione dedicata a Susy di Una lunga storia d’amore, di Gino Paoli.

    Intato stasera ci sarà spazio anche per Cristina Da Villanova, la ballerina esclusa dalla fase finale del programma per volere del pubblico, al centro suo malgrado, di una querelle tra gli autori e Vincenzo Mingolla, primo dei ballerini non ammessi al serale e non “invitato” dalla Commissione a prendere parte al ballottaggio che ha decretato il sostituto di Francesco, infortunato. Chissà se Luca e Chicco faranno finalmente accenno alla questione e se renderanno pubblico il contenuto del fax inviato all’Adoc in risposta alle accuse di scorrettezze nel televoto a vantaggio dei Bianchi.

    Sempre stasera scopriremo le reazioni di Iancu alla parodia di Pasqualino e se la commissione accetterà il contenuto della prova extra di canto, che dovrebbe vedere Marta cantare Per dire di no di Alexia, brano scelto per lei dai Bianchi, e Pasqualino esibirsi in Viva la Pappa col Pomodoro, scelta per lui dai Blu.

    A tra poco con la nostra blogcronaca in diretta web, dalle 21.10 su Televisionando.

    21.25

    Il ledwall si apre ed entra Maria per annunciare l’inizio della nona puntata di Amici. Davvero improbabile la camicina di seta a pois di Maria, aiuto! E parte la sigla.

    Si inizia subito con la prima prova, canto, Mercy, Roberta contro Marta. Molti i fischi stasera per Roberta, che inizia. Ci sembra più convinta di sè Roberta questa sera, anche perchè questo brano si adatta meglio alle sue caratteristiche e al suo stile. Luca: “Non è andata male, anche se ho ancora un problema sul suono sugli alti, sulle vocali, che la portano a un suono cosiddetto schiacciato”. A Platinette questa storia delle vocali non va giù: “per una volta non ci possiamo godere una bella esibizione. Sempre una mezza bastonata e una mezza carota”; Luca: “Semplicemente un consiglio per farla andare meglio”. E parte un rvm con i soliti commenti di Marta e Marco che commentano i difetti musicali di Roberta: e i fischi in studio rendono difficile l’ascolto a casa. Marco dà della repressa a Roberta, che nei mesi ha cambiato i suoi giudizi su Pasqualino, su Cassandra e su tanti altri, ma non ha il “coraggio” di dirlo, mentre Marta tira ancora una volta in ballo il suo bel sedere. E su richiesta di Marta parte immediatamente anche l’rvm di Roberta e Pasqualino su Marta. E’ il momento della parodia di Pasqualino, accolta da un’ovazione. Marta sorride e fa i complimenti a Pasqualino per l’imitazione, ma ammette che “le brucia” dell’amicizia con Roberta, prima oggetto del comune taglio e cucito. Maria richiama all’ordine e alla concentrazione, mentre lo studio non ne può più e fischia come non mai. Buona esibizione.

    Luca: “Considerando che non è nel suo stile sono contento” (fischi); Fabrizio: “Ha fatto dei miglioramenti ma il suo è un suono schiacciato ed è inutile che ridi”; Luca: “Non è una gara tra me e te, Fabrizio, parla di Marta, hai semplicemente approfittato dell’occasione per dire qualcosa sul suono schiacciato”. Marta concorda con il “suo maestro”, ma Maria non lascia gran spazio alla polemica e chiude il televoto, mentre Platinette fa i complimenti all’orchestra.

    La prima prova viene vinta da Roberta. Pubblicità.

    22.47

    Seconda prova, ballo, passo a due di Garrison, Everything I can’t have, Cristina (per Francesco) contro Susy. Si esibisce per prima Cristina, in sostituzione per Francesco. E questa ragazza avrebbe davvero meritato la finale, ottima tecnica e bella espressione. Garrison: “Sono veramente entusiasta. Meglio anche della sala prove”; Alessandra: “La migliore allieva della nostra scuola. Avrà sentito anche un po’ di emozione. Bella e fresca”; Iancu: “Carina, raffinata e calibrata“, in sintesi l’opposto di Susy che sta per esibirsi.

    Garrison: “Questa coreografia non è cucita su Susy, è lei che si cuce addosso la coreografia”; Ale: “Il pregio di Susy è la femminilità, ma il resto, anche il dettaglio, per me non è sufficiente”. E via con la solita lotta, mentre si chiude il televoto. Da una parte Garrison continua a difendere Susy, che per lui ha ballato meglio di Cristina, mentre Alessandra mette in evidenza la mancanza di pulizia, di dettagli. “Oltre l’ancheggiamento c’è di più” dice Alessandra, mentre interviene Iancu per dire che “Come ragazza è molto carina, meno raffinata e meno calibrata dell’altra”, e si sapeva. Carte: la seconda prova è vinta da Susy, due a zero per i Bianchi.

    Terza prova, canto, Una lunga storia d’Amore, Pasqualino contro Marco e inizia Pasqualino. NON CI CREDIAMO, CANTA LA VERSIONE PARODIATA ALLA IANCU!!! La versione la potete rivedere in uno dei video in alto. Iancu sorride e lo trova molto divertente: “Sei molto spiritoso e divertente”, non ce aspettavamo neanche da Iancu. Ma ora inizia a cantare sul serio e a questo punto crediamo che sia concordato con gli autori. Per correttezza, ad occhio e senza chiamare in causa il regolamento e i ricorsi alla magistratura, non avrebbe dovuto avere una doppia chance (anche se il suo Iancu resta un capolavoro).

    Luca: “A parte la prima parte divertente, ti dico quello che penso veramente: sei stato preciso, nel respiro, nel vibrato, nei fiati, ma emotivamente pensavo di provare qualcosa di più“. E con poco stile Pasqualino chiede il conforto del pubblico. Platinette: “La tua strumentalizzazione del caso Iancu mi è piaciuta e mi ha emozionato la sua vena malinconica”. Interviene Iancu, che conferma tutto quello che ha detto a Susy nella sua versione cantata, ma puntualizza di non aver mai detto “Io sono la danza”, come in un suo sketch. Beh, pensavamo peggio. E parte l’rvm dei Blu su Pasqualino, che ha la spina dorsale di una platessa per Marta, mentre per Marco è geloso del suo timbro e della sua solarità. Pubblicità.

    22.13

    Tocca a Marco, che fa una buona prova, abbastanza pulita e sentita. Luca: “Pasqualino è stato molto più preciso, ma Marco mi è arrivato di più”; Grazia: “Si parla di soggettività, ma sono oggettive le imprecisioni. E’ il suo timbro che arriva, in alcuni punti bellissimo, ma sulla media del brano è insufficiente”. E Maria dà altro tempo a Marco per cantare, visto che Pasqualino ha cantato due volte, per cui Marco ha la chance di recuperare gli errori fatti, ma inizia peggio di prima. Ottima l’iniziativa di Maria, che evita così altre polemiche. Rvm anche per Marco, con Roberta che analizza la prima posizione di Marco come personaggio, non come cantante, mettendolo a confronto con Pasqualino. Marco fa ironici complimenti a Roberta e partono le carte: la terza prova è vinta da Pasqualino, tre a zero per i Bianchi.

    Quarta prova, ballo, passo a due di Alessandra Celentano, Scivola Vai Via, bellissima canzone di Vinicio Capossela: ballano Francesco e Susy. Anbeta sfoggia una bella capigliatura sciolta, e oggi è anche il suo compleanno: l’orchestra intona Happy Birthday e le si emoziona nel suo sobrio stile, con un sorriso e senza una lacrima (brava!).

    Inizia Francesco e se la cava, nonostante il ginocchio e il poco tempo a disposizione. Alessandra: “Abbastanza soddisfatta, nonostante non sia il suo stile e il ginocchio” ed è piaciuto anche a Iancu. Maria dà la parola a Marco, che gliel’aveva chiesta, ma poi Marco ci ripensa: “Parlerò quando toccherà di nuovo a me cantare, altrimenti ora apro un caso così grande da far cadere lo studio5″… mah, di che si tratterà? Cmq ora balla Susy con Josè.

    Susy corre proprio in questo pezzo e nonostante l’impegno non riesce nella presa finale. Alessandra: “In questa coreografia Susy le è sembrata un sacco di patate, ma lo dico così come dico a Francesco che sembra che abbia ingoiato una porta”; Maria, ingenua: “Ma è un vostro gergo?” e Steve interviene: “Si, è un gergo che serve per far male ad una persona“. Maria chiude il televoto. E Maura e Steve insistono nel sottolineare che mai in puntata a Francesco è stato detto che ha ingoiato una porta, mentre Platinette dice “meglio un sacco di patate giovani che un sacco di patate vecchie, e qui ne ho un esempio”. Maria ci tiene a puntualizzare che non ritiene giusto che venga detto una cosa del genere ad un’allieva. Ma tanto si sa quello che pensa di Susy la Celentano ed altre volte è stata ben più “cattiva” e dura, magari ammantando la critica sotto il profilo tecnico. Questa volta ha preferito la similitudine, forse più sincera di mille altri discorsi fatti. Fuori luogo comunque.

    22.37

    Carte, la quarta prova è vinta da Francesco , tre a uno per i Bianchi.

    Quinta prova, è il momento del canto Extra: la commissione dovrà decidere se accettare la sfida tra Marta, con Per dire di no, e Pasqualino, Viva la Pappa col Pomodoro. In un rvm si ricostruisce il percorso che ciascuna squadra ha fatto per scegliere l’avversario e per individuare la canzone “adatta”. La scelta della canzone è abbastanza significativa. Le proposte sono accettate dalla commissione e si apre il televoto. Pasqualino prende la parola per ringraziare i Blu per aver scelto una canzone composta da Nino Rota e arrangiata da Luis Bacalov (ah, però, non lo sapevamo, due premi Oscar) con un testo importante, nonostante la semplicità, mentre Marta ringrazia ironicamente nel tentativo di far notare una contraddizione di Roberta: “Se pensi che io non sia una cantante non avresti mai dovuto scegliere una canzone così difficile”. Viene chiamato in causa Vessicchio: “A loro modo sono difficili entrambe, ma di certo Marta le doti per cantarle ce le ha”. E Platinette mette a posto Marta, che ha pronunciato Gauguin così com’è scritto, e che ha sminuito la carriera di Grazia ancora una volta: “Le sue canzoni non le conosce nessuno”.

    Inizia Pasqualino con Viva la Pappa col Pomodoro. Bravo, bravo, bravo! Gira per lo studio, zompetta creca di coinvolgere Maria, bravo. Luca: “Mi è piaciuto, preciso, bravo”; Platinette: “Bravo, anche per l’omaggio a Rita Pavone”. E tocca a Marta, accolta come sempre dai fischi dello studio. Marta è brava, peccato che parli troppo. Luca: “Mi è piaciuta, con qualche imprecisione come quelle di Roberta”; Fabrizio: “Mi è piaciuto molto”; Platinette: “A me non è arrivata”, ah però, trachant. “Non è un pregiudizio, ma sono ancora reduce dal divertimento di Pasqualino, ma stia sicura che se non piace a me piacerà a tutti gli altri”. Carte, la quinta prova è vinta da Pasqualino, quattro a uno per i Bianchi.

    Sesta prova, ballo, passo a tre di Steve, Van Helsing, Francesco contro Susy. Bellissima la coreografia, nel miglior stile di Steve, veramente spettacolare. Pubblicità.

    23.02

    Inizia Francesco. Bravo! Steve: “Ha fatto quasi tutte le correzioni, ma ti vedo teso. Va bene, anche se abbiamo sempre tanto da lavorare, ma va bene“; Alessandra: “Mi è piaciuto, ho visto che nel manege eri titubante”; Iancu: “Penso che abbia ballato molto bene”. Tocca a Susy, la parte della donna qui ci sembra davvero molto impegnativa. Riesce in tutte le prese, compreso nel finale. Steve: “All’inizio dell’anno non mi piacevi, ma adesso sei entrata nel mio stile. Mi sei piaciuta.” Alessandra: “Il sacco di patate non è certo un giudizio tecnico, ma è quello che mi arriva. A proposito come mai adesso porti i fuseaux neri? Sfinano?”. Mah, vabbè… Iancu: “In questo pezzo ha fatto il suo dovere, ma a dire la verità non mi sono piaciuti nessuno dei due (ma come?), non mi è piaciuta la coreografia, per cui è difficile esprimere un giudizio positivo o negativo. Sembra un saggio di ginnastica.” Steve: “Non mi stupisce, anche l’anno scorso Alessandra mi ha criticato per le coreografie. Ho la mia carriera, so chi sono e non mi interessa quello che pensano loro“. Carte, la sesta prova viene vinta da Susy, cinque a uno per i Bianchi.

    Settima prova, canto, Parlami d’amore, Marta contro Pasqualino che inizia a cantare. Luca: “Questo è un pezzo che secondo me è nelle sue corde. Bravo, anche se con un punta di vibrato di troppo”; secondo Platinette non ha scimmiottato i Negramaro e quindi complimenti, mentre Grazia sottolinea la sua straordinaria grinta questa sera e la sua progressiva apertura “sta imparando a divertirsi”.

    Tocca a Marta, ma l’inizio non è proprio dei migliori, non è proprio un pezzo per lei, anche se ci si impegna fino in fondo. Pochissimi applausi per lei. Luca: “Brano difficile per una donna, ma ha vibrato troppo. Ma buona nel complesso”; Fabrizio: “Mi è piaciuto il carattere anche se questo può aver influito sul falsetto”. Complimenti anche da Platinette, ma ecco le carte, la settima prova è vinta da Pasqualino, sei a uno per i Bianchi.

    Ottava prova, tornano i Musical. Iniziano i Blu con Cats. Marta è ovviamente Grisabella, mentre Francesco truccato da gatto è adorabile e nei musical pare dare il meglio. A Marta tocca Memory, grandissimo brano. E qui finisce il musical dei Blu. Qualche perplessità per Platinette, qualche imprecisione per Luca, soprattutto sul tempo (perso anche perchè non ha messo i monitor), mentre Fioretta ringrazia i ragazzi perchè riescono a fare miracoli in poco tempo. Pubblicità.

    23.31

    I Bianchi si esibiscono in New York, New York, con Pasqualino e Roberta impegnati in Blu Moon e New York, New York.

    Platinette: “Meraviglioso, bravi tutti e tre e soprattutto Roberta”. Patrick: “Bravi, ma Pasqualino di più, l’unico tra i ragazzi che ha delle belle doti di recitazione. Ti consiglio di studiarla”. Carte, l’ottava prova va ai Bianchi, sette a uno.

    Nona e ultima prova, ballo, passo a due di Garrison, con Susy e Francesco in gara. Niente seconda prova per Cristina, che avrebbe dovuto ballare la coreografia di Maura, non uscita.

    Coreografia particolarissima, dimostrata da Kledi e Anbeta, veramente lontana da quello che solitamente presenta Garrison, ma che fa il paio con la coreografia “classicheggiante” della scorsa settimana.

    Inizia Susy, ma non riceve commenti e inizia subito Francesco, vestito solo di pantaloncini.

    Televoto chiuso. Stanno per arrivare le carte, ma a meno di un miracolo la puntata dovrebbe essere vinta dai Bianchi, in testa per sette prove a uno. In attesa del risultato finale Garrison fa i suoi più vivi complimenti a Francesco che gli è piaciuto tantissimo e ne è sinceramente contento.

    Carte, la nona puntata è vinta dai Bianchi, con il 55% contro il 45%.

    Il primo nome per tutti è Marta, ultima in classifica e per questo condannata ad uscire comunque. Maria chiede rispetto al pubblico per il momento che sta vivendo la ragazza. La Commissione non la salva e il pubblico esulta. Pubblicità.

    23.54

    Maria mostra la classifica e dice a Marta: “Io non penso che tu sia cattiva, quando ricevi un complimento ti sciogli e per il resto ti sai difendere”. Vabbè, è la padrona di casa, ma un accenno all’umiltà andava fatto. Per salutare canta il suo cavallo di battaglia, All By Myself che Chicco attribuisce a Mariah Carey e che Marta corregge dicendo Céline Dion. Platinette mormora qualcosa all’orecchio di Chicco, ma il labiale è chiaro: “Sta dicendo una put…ata”. E’ in effetti questa canzone l’hanno cantata un po’ tutti, a partire dall’autore Eric Carmen, che l’ha scritta nel 1975. Ma non è il caso di puntalizzare, Marta lascia la trasmissione e mercoledì prossimo si deciderà il quartetto finalista. Buonanotte a tutti e a presto con gli aggiornamenti da Amici.