Amici 13 serale, ottava puntata: gara equilibrata, brilla la danza targata Peparini

L'ottava puntata del serale di Amici 13 segna l'uscita di Giada Agasucci

da , il

    Poche trovate ma uno spettacolo più che godibile è offerto dall’ottava puntata di Amici 13. Il serale è giunto nella fase in cui la gara ha il ruolo chiave con i talenti rimasti impegnati a farsi conoscere attraverso la riproposizione di inediti per i cantanti e di una miriade di coreografie per i ballerini. Proprio la danza stasera brilla grazie ai concorrenti e all’estro del direttore artistico Giuliano Peparini in vista di una semifinale confermata a domenica 25 maggio 2014.

    Proprio come avvenuto nella settima puntata tutti i riflettori sono puntati sulla gara con pochi convenevoli per gli ospiti e l’assenza della cesura comica tra le due manches. La vera nota di colore della serata è rappresentata dalla presenza di Gerry Scotti, quarto giudice speciale. L’atteggiamento del conduttore è paterno e caloroso come in Italia’s got talent ed a celebrare il volto simbolo di Mediaset arriva pure un freestyle apposito di Moreno Donadoni. Non sono sopra le righe nemmeno i duetti canori proposti per la serata. E’ gara di ugole d’oro tra Albano e Deborah, ormai sempre più adattata alla musica leggera italiana anche con l’ultimo pezzo scritto per lei da Fiorella Mannoia. Alessio Bernabei dei Dear Jack ccompagna con discrezione Arisa, voluta e ammirata dalla conduttrice che ricorda l’annata in cui la vincitrice di Sanremo 2014 fu scartata ad Amici da un esperto evidentemente poco lungimirante.

    Tutto il resto è talent ed i due coach Moreno Donadoni e Miguel Bosé non giocano più d’astuzia ma lasciano andare da sé una gara che appare ormai prevedibile. Giada abbandona il talent con onore e contratto discografico lasciando i quattro semifinalisti in perfetto equilibrio: un cantante-band ed un ballerino per ogni squadra. Ormai i Dear Jack non fanno molto più che essere i Dear Jack nonostante lo sforzo del frontman di diventare intimista in alcune performance. Deborah ha la voce dalla sua e pare aver convinto anche i giudici con la sua innegabile presenza sul palco. Questa sera, però, la menzione d’onore spetta ai ballerini Vincenzo e Christian, versatili, espressivi e in particolare al servizio delle incredibili coreografie di Giuliano Peparini. Soprattutto l’esecuzione della coreografia sull note de La cura commuove tutti per il messaggio contro il bullismo e già questo momento vale la visione di tutta la serata.