Amici 13: Grazia Di Michele nel mirino per i commenti su Deborah Iurato

Amici 13: Grazia Di Michele nel mirino per i commenti su Deborah Iurato

In seguito alla maglia nera a Deborah Iurato ad Amici 13, Grazia Di Michele è finita al centro di una polemica

    Polemica in corso ad Amici 13 in seguito alla recente attribuzione delle maglie nere. E’ la professoressa di canto Grazia Di Michele ad aver provocato delle rimostranze in seguito alle motivazioni addotte per frenare la corsa al serale della cantante Deborah Iurato.

    Dalla breve sintesi fornita dalla pagina Facebook del programma, Deborah sarebbe stata messa in discussione dalla Di Michele per la sua fisicità: ‘Quando, oltre a sentirla, la vede anche cantare vede una ragazza non alta, sicuramente robusta, con una fisicità non troppo bella. Questo la distrae e le impedisce di continuare ad ascoltarla‘. Apprezzamenti non proprio lusinghieri che hanno fatto scattare la reazione in una modella di taglie comode che ha inoltrato questa lettera alla redazione: ‘Da anni mi occupo di prevenzione dei disturbi alimentari nelle scuole. Sono alquanto allibita dal messaggio che Grazia Di Michele sta facendo passare: fermare la corsa di una vostra partecipante per le caratteristiche fisiche la considero una forma di discriminazione senza eguali. Senza contare la responsabilità sociale che ha un programma come il vostro verso i giovani ragazzi. Scusate ma non lo posso assolutamente accettare. A casa per quei fianchi larghi, per le maniglie dell’amore, per la ‘fisicità non perfetta’ si ammalano.

    Allora inviterei la Di Michele nelle varie cliniche di disturbi alimentari, dove giovani ragazze rischiano la vita. I DCA oggi sono la seconda causa di morte tra adolescenti dopo gli incidenti stradali. Stiamo attenti a ciò che comunichiamo‘.

    E a questo richiamo ha risposto sulla pagina Facebook del programma proprio la contestata professoressa di canto: ‘Internet è un bellissimo strumento ma a volte la necessità di sintesi crea dei fraintendimenti. Ho ben presente la piaga sociale dovuta ai disturbi alimentari di cui molte ragazze soffrono per rincorrere modelli fisici stereotipati. Nel caso di Deborah il mio ruolo da insegnante mi mette nelle condizioni di parlare di lei solo ed unicamente come cantante. In un periodo dove la musica non solo si sente ma si vede, discuto la sua fisicità solo ed unicamente in relazione alle sue esibizioni, e al suo modo a mio parere goffo di camminare mentre canta e tiene il palco‘. Una dichiarazione che aggiusta il tiro su un’esternazione che poteva rivelarsi particolarmente sgradevole per un programma rivolto ai giovanissimi e che sottolinea quanto il daytime sia molto più valido dei social network per accompagnare e soprattutto spiegare le dinamiche della scuola.

    439

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE