Amici 11, un film già visto: Gerardo verso la vittoria

Amici 11, prosegue l'inutile scontro tra Gerardo Pulli e Grazia Di Michele

da , il

    Gerardo Pulli Amici 11

    In attesa di conoscere il verdetto dello speciale di sabato 21/1/2012 di Amici 11, interrotto prima della proclamazione della squadra vincitrice di una sfida interna decisa dagli esperti e non dal televoto, approfittiamo per ‘commentare’ l’ennesimo scontro tra Gerardo Pulli e Grazia Di Michele, cui la De Filippi ha concesso tanto di quello spazio (inutile) da non riuscire a portare a termine la sfida nel tempo previsto per la diretta. Del resto, senza il televoto, ci si può permettere di far slittare il verdetto quindi spazio alle querelle ritrite.

    La diatriba tra Gerardo Pulli e Grazia Di Michele va avanti sin dai casting di Amici 11: fin dal primo momento a Grazia non è piaciuta la voce graffiata di Gerardo, che ha risposto con un atteggiamento a dir poco ‘presuntuoso’. Da una parte Grazia ha sempre visto nella voce di Gerardo pochissima tecnica e scarsa versatilità, qualità a suo dire necessaria per sostenere il talent fino in fondo. Se questo è stato fin da subito l’appunto legato alle potenzialità vocali del ragazzo, la docente ha poi avuto modo di criticare l’atteggiamento del ragazzo in qualità di allievo: secondo la Di Michele è talmente pieno di sé da mostrare scarso impegno nella preparazione dei brani quando li ritiene lontani dal suo stile.

    Dal canto suo, Gerardo risponde con i suoi occhi cerulei e con la convinzione che un artista non deve per forza saper fare tutto: reagisce alle critiche della Di Michele sostenendo di dover dar conto solo alla sua arte, al suo modo di scrivere canzoni, al suo modo di interpretarle, al suo universo artistico, ‘orgoglioso’ dei suoi limiti. Considera, supportato dalla sua tutor Mara Maionchi, quello della Di Michele solo un accanimento dettato da antipatia e supponenza, arrivando anche a criticare la carriera di cantautrice di Grazia.

    Insomma, un braccio di ferro che si combatte a suon di assegnazioni di pezzi utili a evidenziare le difficoltà vocali di Gerardo, che nel frattempo si fa scoprire a fumare in bagno e di fronte alla punizione della Di Michele (cantare Smoke gets in your eyes) fare scena muta, sostituendo la canzone con una frase ad effetto.

    Risultato? Gerardo è uno dei più amati dal pubblico, anche se lo smacco della sconfitta su iTunes starà mettendo in crisi qualche sua certezza.

    In breve Gerardo si avvia alla vittoria: il caso Marco Carta fa scuola e come ha dimostrato Morgan a X Factor 5 (crocifiggendo per calcolo il suo Valerio De Rosa, salvandolo dall’eliminazione) più un allievo è vessato più gli si assicura un futuro nella scuola.

    Già, la scuola: in effetti tutta la questione si può liquidare come un’opposta visione del mondo tra Grazia e Gerardo, emersa con chiarezza anche nel live di oggi. La prima, dopo 10 anni di carriera ‘accademica’ vede Amici ancora come una scuola, dove l’impegno, la dedizione, la versatilità, il rispetto debbono essere le parole d’ordine per un allievo. Gerardo, invece, è ‘andato avanti, consapevole del fatto che Amici è un reality (sempre meno un talent) dalle straordinarie potenzialità commerciali, non formative, e si ‘comporta’ da perfetto concorrente (non tanto da allievo). La Di Michele non vuole rassegnarsi al fatto che Amici non è più una scuola e crede di riuscire a far aprire gli occhi al pubblico sulle sue scarse qualità: non si rende conto di stargli consegnando la vittoria? Questo film l’abbiamo già visto.