Amici 10, live 7° pomeridiano con i Maroon 5: Vito e Giorgia ancora titolari

Blogcronaca del settimo pomeridiano del sabato di Amici 10

da , il

    Amici 10 sta per vivere il suo settimo pomeridiano live del sabato: incurante della scarsa ora e mezza a disposizione, gli autori rimpinzano la scaletta, costringendo così la diretta del sabato a trasformarsi sempre più in un prologo della striscia settimanale. I casi principali solo gli esami di Giorgia Urrico e Gabriella Culletta per la riconferma del posto da titolari dopo la doppia insufficienza, e le sfide esterne di Giulia Pauselli e Vito Conversano decise come provvedimento disciplinare. In tutto questo spazio per i Maroon 5 che cantano il loro nuovo singolo, Give a Little More.

    Oltre alle valutazioni dei titolari (in parte giudicati sulla base di rvm, in parte destinati all’esibizione live di fronte alle commissioni esterne), la settima puntata del pomeridiano di Amici ruota intorno alle vicende delle cantanti Giorgia Urrico e Gabriella Culletta e dei ballerini Vito Conversano e Giulia Pauselli.

    Le prime due hanno ricevuto nelle scorse settimane una doppia insufficienza e devono quindi sostenere l’esame di riparazione al cospetto della commissione esterna di canto, la stessa che le ha giudicato insufficienti. Giorgia ha il dente avvelenato con i giornalisti (nel video di apertura i giudizi della stampa nei suoi confronti) che l’hanno accusata di non avere personalità e di scimmiottare gli atri. Così toccata da chi, come Dondoni, l’ha accusata di voler somigliare ad Emma anche nel look, ha deciso di tagliarsi i capelli, come si vede nel video in basso.

    Sul piede di guerra anche Gabriella Culletta: in basso i giudizi dei giornalisti nei suoi confronti.

    In scaletta anche le sfide esterne di Vito Conversano e di Giulia Pauselli, macchiatisi di ‘offese’ verso la commissione interna di danza. Cosa andrà in onda in diretta? Lo scopriremo tra poco con la blogcronaca del pomeridiano di Amici 10.

    14.07

    Si apre proprio con i Maroon 5: a loro spetta l’anteprima nel nuovo pomeridiano del sabato di Amici 10. A presentare il loro nuovo lavoro c’è Luca Dondoni – dall’inglese fluente -, che prende di fatto il posto di Maria De Filippi, ancora dietro le quinte. Breve intervista e chiusura del televoto da parte di Luca Zanforlin, che promuove una nuova campagna umanitaria, simboleggiata da un fiocchetto giallo che rilancia le iniziative di Terres Des Hommes. Ma c’è la pubblicità.

    14.16

    Entra Maria e si aprono le danze: e a proposito, rispunta Marco Garofalo in commissione esterna Danza. Eccolo, ci mancava.

    Prima di affrontare i casi della puntata spazio all’esibizione di Annalisa Scarrone, definita la più brava da Maria; subito dopo le sfide di danza.

    Dopo l’esibizione i voti:

    Dondoni (che si lamenta della solita scelta dei pezzi anni ’60, ’70) dà 8; Laffanchi (“Puoi cantare anche l’elenco del telefono”), 8; Giordano 9 (“Premio anche la scelta del pezzo, perfetto per te”);

    Discografici: Massara 8, Menci 8, Balestra 8, Brando 8, Alboni 8;

    Vessicchio 7. Più che sufficiente.

    Ma si passa subito alle sfide di ballo: si dimostra un primo pezzo, con Martina e Francesco Mariottini.

    Entra lo sfidante di Vito, Massimo, della provincia di Cuneo, e il commissario esterno, Stéphan Fournial, ballerino e coreografo francese, insignito del titolo di Cavaliere delle Arti in patria. Tocca a Massimo iniziare, accompagnato da Eleonora: ci sembra molto presente a se stesso e molto incisivo nei movimenti.

    Subito dopo tocca a Vito che balla con Martina: la grazia del classico, evidenziata da Vito, non si attaglia proprio ottimamente alla coreografia di contemporaneo. Ma il prossimo pezzo è un assolo di classico, ergo ognuno può mostrare il meglio di sé.

    Il secondo pezzo, infatti, è una variazione de Il Corsaro, cavallo di battaglia di Massimo. Pulito, deciso, espressivo salvo un incidente di percorso alla fine), Massimo dà di sé un’immagine molto diversa da quella più ‘timorosa’ e per alcuni ‘spocchiosa’ di Vito. Per Vito un assolo dalla Bella Addormentata, in una versione un po’ particolare della compagnia tedesca di Dresda. Indubbiamente elegante Vito, che però rischia di concedere troppo alla ‘perfezione’ del movimento, penalizzando l’espressività.

    Fournial dà il difficile verdetto: piccole imperfezioni tecniche, dovute all’ansia, per Massimo, di gran lunga superiore Vito, dice il giudice. Vito Conversano resta titolare.

    14.32

    Senza soluzione di continuità di passa a Giorgia Urrico (ora con capelli corti e castani, leggermente ramati) , che deve cantare tre pezzi, due dati dai giudici, uno da Jurman che l’ha preparata. Inizia da Luce di Elisa, scelto dai giornalista. E dire che Giorgia non avrebbe voluto esibirsi per essere giudicata dagli stessi giornalisti che finora l’hanno massacrata… ma è lì e col nuovo look e quasi irriconoscibile. Incerto, però, l’inizio del pezzo: di certo non somiglia a Elisa, dice Laffranchi: “Se qualcuno lo sostiene consiglierò un prodotto per le orecchie”.

    Secondo pezzo Tra te e il Mare, di Laura Pausini: e anche qui della Pausini non c’è traccia. Terzo pezzo, scelto da Jurman, è Don’t Know Why di Norah Jones: la scelta dipende dal voler mettere in luce le sue doti blues. Siamo d’accordo con Giordano, la cura d’urto ha fatto effetto: Giorgia (con l’aiuto di Jurman) ha cercato una sua via espressiva e i risultati sono evidenti.

    Siamo ai voti. Si parte da Vessicchio che conferma la sufficienza e aggiunge anche un voto per l’ottimo lavoro svolto: per lui è sì, Giorgia può restare nella scuola.

    Alboni: “E’ stato un modo per farti ragionare e lavorare sui tuoi limiti: Siamo qui per verificare un futuro da cantante ‘vero’: per lui sì. Brando sì; Balestra, sì pieno; Menci, sì, le legnate servono; Massara, convinto dalle performance e del look, dice sì.

    Giordano sì, Laffranchi sì, Dondoni (“In questo look da Alessandra Amoroso non piaci” scherza) sì. Giorgia Urrico torna Titolare. Pubblicità.

    14.53

    Confronto per Debora di Giovanni e Riccardo Riccio sulla coda dello Schiaccianoci: inizia Debora, accompagnata da José. Anbeta, invece, balla con Riccardo. Oddio, son tornate le faccette assurde di Garofalo, che sembra schifato persino da Anbeta… nel classico, per giunta!

    Maria spiega alla commissione esterna che su Riccardo i prof sono divisi: a difendere il ragazzo è rimasto solo Cannito, mentre su Debora non ci sono problemi. E ai prof critici si aggiunge anche Garofalo, che considera Riccardo decisamente inferiore a Vito. E si apre un nuovo fronte di guerra, Cannito vs Garofalo, che vota.

    Garofalo: 7 per Debora, 6 per Riccardo;

    Prina: “Riccardo, hai una parte superiore ben messa, anche se usi troppo le braccia per prendere forza; sulle gambe devi renderle più elastiche e forti, ma ci si può lavorare e sei qui per questo”. Prina dà 7 a Riccardo, 8 a Debora.

    Salas dà 7 a Debora e 6 a Riccardo, ma si dice convinto delle potenzialità di Riccardo e si schiera dalla parte di Cannito. Quindi Debora è giudicata migliore di Riccardo, ma la Celentano punzecchia Salas e la Prina, fin troppo morbidi. “La tv fa diventare più buoni” dice Alessandra e la Prina risponde: “E’ vero, sono nota per essere severa, ma voglio anche dare una possibilità ai ragazzi. Qui peraltro la situazione è particolare e di certo non siamo al concorso di Varna o di Mosca…”, sempre tv è.

    15.06

    Torna un po’ la formula a sfida, per animare un po’ il sabato: e infatti ora c’è il confronto tra Francesca Nicolì e Diana Del Bufalo su All By Myself. Francesca aveva contestato in settimana la scelta del pezzo, troppo vicino alle corde di Diana e non è un caso che la commissione abbia deciso di farle esibire solo su questo brano e non anche sugli altri preparati in comune. Inizia Diana, che dà – come sempre – il via a un suo siparietto: ogni giorno che passa, però, ci sa di stucchevole. Riferendosi agli ear monitor dice a Maria: “Vedo tutti che se ne tolgono uno… non so perché lo fanno? Lo devo fare pure io?“. Maria ci casca, tra i banchi nessuno sorride. Siamo onesti, il suo inglese – tanto decantato nelle scorse puntate – non ci convince così come la sua esibizione piuttosto piatta e in alcuni punti anche incerta.

    Tocca a Francesca Nicolì, ma prima di farla esibire Maria spiega che in settimana – causa provvedimento disciplinare – ha lavorato per lo più da sola, senza supporto dei docenti. Una solitudine che la ragazza dice di vivere anche a scuola, perché si sente isolata dalle colleghe di canto (ricordiamo la litigata con Gabriella, Giorgia e Annalisa, sue ex compagne di camera). Addirittura Francesca ha chiesto e ottenuto una camera singola: di certo questa cosa non la renderà più simpatica e amata dalle colleghe di canto, che l’accusano da tempo di fare la vittima. Per adesso Francesca frequenta per lo più i ballerini. “So di sbagliare nei modi, ma drò sempre quello che penso, fino in fondo” dice Francesca.

    Francesca canta e la sua versione è ancora più lenta e meno aggressiva di Diana.

    Dondoni: 7 a Diana e a Francesca;

    Laffranchi: 7 a Diana, 6 a Francesca, incostante;

    Giordano: 6 a Diana e 7 a Francesca;

    Balestra: 6 a Diana, 8 a Francesca;

    Brando, 7 a Diana e 6 e Francesca;

    Vessicchio: 6 a Diana, 5 a Francesca.

    Non siamo riusciti a registrare tutte le votazioni, ma per Vessicchio è insufficiente. Spezza una lancia a suo favore la Fontana: “Pensaci, considera le difficoltà affrontate in settimana”. Ma per Vessicchio la circostanza non è una scusante, una sfida o un esame supplementare non sono la fine del mondo. Per Francesca, infatti, è arrivata la seconda insufficienza in due settimane. Zerbi le consiglia di comportarsi meglio, di lamentarsi meno e di lavorare sul serio: se l’avesse fatto avrebbe preso tutti 8. Pubbllicità.

    15.30

    Classifica: Antonio ancora insufficiente per giornalisti e discografici è ancora primo in classifica; Stefan, Alessandro e Andrea sono gli insufficienti della settimana (almeno tra quelli già valutati, a loro va infatti aggiunta Francesca) e quindi si preparano alla riparazione. E la puntata si chiude con l’annuncio dell’esame di Gabriella Culletta. Se ne riparla lunedì.