America Ferrera: ‘Ugly Betty chiuse per divergenze creative’

America Ferrera: ‘Ugly Betty chiuse per divergenze creative’

A Londra per il musical Chicago, America Ferrera ricorda i suoi quattro anni sul set di Ugly Betty, tra errori e curiosità

da in ABC, Interviste, Personaggi Tv, Serie Tv, Serie TV Americane, Ugly Betty
Ultimo aggiornamento:

    America Ferrera betty

    A Londra per interpretare Roxie nel musical Chicago, America Ferrera si ritrova anche a parlare di Ugly Betty, il cui finale fu proprio girato nella capitale inglese: oltre a magnificare un’esperienza fantastica, l’attrice ventisettenne spiega i motivi per cui lo show ABC è finito: ‘Dalla seconda stagione abbiamo cominciato ad incontrare qualche intoppo, perché tutti sembravano avere una visione differenti della serie: c’erano troppi galli nel pollaio, alcune delle storie non quagliavano e Ugly Betty si è perso un po’, i telespettatori se ne sono andati e quando abbiamo apportato delle correzioni di rotta non sono più tornati, quindi il network ha staccato la spina’.

    Un paio d’anni dopo la cancellazione di Ugly Betty torniamo a parlare di America Ferrera, scritturata nella versione londinese del musical Chicago: il Daily Mail, approfittando del fatto che il series finale dello show fu girato a Londra, ha chiesto alla ex protagonista una ‘valutazione’ dello show a qualche mese dalla fine, ricevendo una vera e propria dichiarazione d’amore.

    Abbiamo passato quattro anni ridendo e scherzando, era un lusso potersi prendere del tempo per fare tutto per bene: spesso mi toglievo l’apparecchio durante le pause, non me lo rimettevo quando riprendevamo a girare, e solo alla fine ci accorgevamo (io, il cameramen e il regista) che avevamo girato tutto il giorno senza apparecchio e che dovevamo ricominciare da capo’.

    La Ferrera ha un buon ricordo anche delle varie guest star, a partire da Lindsay Lohan con cui sembrava ci fossero state problemi: ‘Una volta abbiamo dovuto rifare una scena 30 volte, soprattutto per colpa mia: la incontravo nell’ascensore e dovevo introdurla nell’ufficio, parlando mentre raccoglievo documenti e firmavo delle carte. Ci voleva un sacco di coordinazione, io continuavo a far male, e sbagliate se pensate che una grande star come lei perse mai le staffe: abbiamo cominciato a ridere come matte’.

    Lo stesso dicasi per star come Victoria Beckham, Adele e Naomi Campbell, ‘Victoria – ha ricostruito l’attrice – è una persona senza pretese e molto amichevole, Naomi è stata una sorpresa, leggendo i giornali pensereste ad una persona difficile, invece si è addirittura presa in giro posando di fronte alla telecamera con un telefono per smentire la sua fama di lancia-telefoni’.

    E pensare che l’offerta di interpretare Ugly Betty arrivò dal nulla: ‘Accettai perché Betty non era come le solite protagoniste, non si trattava di interpretare una brutta ragazza, ma di interpretare una persona molto carina, che ce l’aveva fatta a dispetto del suo look.

    Mi piace molto essere Roxie Hart – conclude l’attrice – ma mi manca Betty Suarez, e ancora mi diverte il fatto che la gente si stupisca di fronte al fatto che non somiglio a Betty’.

    519

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ABCIntervistePersonaggi TvSerie TvSerie TV AmericaneUgly Betty