Amanda Knox e Raffaele Sollecito assolti per il delitto di Meredith: il video della sentenza

Amanda Knox e Raffaele Sollecito assolti per il delitto di Meredith: il video della sentenza

La corte d'appello di Perugia assolve Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l'omicidio di Meredith Kercher

da in Attualità, Primo Piano, Video
Ultimo aggiornamento:

    Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono stati assolti in appello dall’accusa di aver ucciso Meredith Kercher: il verdetto è arrivato pochi minuti fa e la notizia ha già fatto il giro del mondo, con ampio risalto da parte dei media Usa che attendevano con ansia la notizia della libertà per Foxy Knoxy. Amanda ha però ‘rimediato’ tre anni di carcere per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba, indicato all’indomani del delitto di essere coinvolto nel delitto. In alto il video della sentenza emessa dalla corte d’appello di Perugia.

    La sentenza di assoluzione è arrivata dopo oltre undici ore di camera di consiglio: Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono stati assolti perché il fatto non sussiste. Questa la decisione presa dai giudici della Corte d’Appello di Perugia, che aveva chiesto alla stampa accreditata di non accogliere le decisioni come se si trattasse di una partita di calcio, con schieramenti e atteggiamenti da tifo irrispettosi della situazione, un processo per l’assassinio di una ragazza poco più che ventenne.

    L’appello del giudice è caduto nel vuoto: fuori dall’aula la gente che aspettava il verdetto ha iniziato a intonare cori di protesta (“Vergogna!” la parola più utilizzata), mentre in aula gli imputati, ormai assolti, si lasciavano andare alla gioia.


    Ad Amanda Knox è stata comunque riconosciuta la colpa di calunnia nei confronti di Patrick Lumumba, che le costano tre anni di carcere e il pagamento delle spese processuali, pari a circa 22.000 euro. Per lei e per Sollecito, però, la detenzione è finita: Amanda ha già scontato la pena e, sbrigate le procedure per il rilascio di un nuovo passaporto, presto volerà a casa, in America.

    286

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàPrimo PianoVideo