Alessia Marcuzzi: “Il GF 11 mi manca”

Alessia Marcuzzi sente la nostalgia del Grande Fratello 11 e scommette sulle coppie Ferdinando-Angelica e Davide-Erinela

da , il

    Grande Fratello 11 Alessia Marcuzzi

    E’ il primo lunedì senza Grande Fratello 11 da ottobre e Alessia Marcuzzi ne sente inevitabilmente la mancanza: dopo sei mesi trascorsi accanto ai tanti concorrenti che si sono dati il cambio nella Casa per 27 lunghe settimane, la conduttrice del GF11 non può che avvertire un ‘vuoto’ nella sua vita professionale, visto che quella privata è colmata dall’attesa di una bimba che dovrebbe nascere a settembre. Lo racconta a Tv Sorrisi e Canzoni.

    I ragazzi un po’ mi mancano, ero abituata a sentirli chiacchierare da mattina a sera” dice Alessia Marcuzzi, che aggiunge di “sentirsi molto appagata” dall’undicesima edizione del Grande Fratello 11. “Appagata sia dal punto di vista degli ascolti, perché abbiamo retto contro chiunque, da Montalbano a Fazio e Saviano, sia per quello che abbiamo ottenuto: un bellissimo romanzo popolare colorato di rosa, con tante storie d’amore piene di colpi di scena come piacciono a noi“.

    E a proposito degli amori della casa, Alessia dà le sue valutazioni: “Margherita non mi sembra del tutto cotta di Andrea, così pure Rosa di Emanuele. Per lei è stato così difficile dimenticare Davide“. “Io mi sento di scommettere su almeno due coppie: Angelica e Ferdinando e Davide e Erinela – aggiunge la Marcuzzi -. Sui primi all’inizio non credevo molto, sono molto diversi, ma poi mi sono ricreduta. Davide, invece, si è lasciato così trasformare da Erinela che non può non averlo fatto per amore“.

    Ma agli amori nati in casa hanno fatto da contraltare i tradimenti consumatisi al di fuori: e la Marcuzzi ha ammesso che uno dei momenti più imbarazzanti di questa edizione è stato il dover raccontare ad Andrea delle malefatte di Szilvia, con tanto di faccia a faccia col rivale Marian. Alla luce del poi proprio questo passaggio può avergli consegnato la vittoria: non tutto il male viene per nuocere.