Alessandra Mastronardi su GQ: “Addio lagnosa Eva”

Alessandra Mastronardi sancisce l'addio da I Cesaroni con un sensuale servizio fotografico per GQ

da , il

    E’ un addio definitivo quello tra Alessandra Mastronardi ed Eva Cudicini, personaggio interpretato per quattro stagioni ne I Cesaroni: che la Mastronardi - recentemente protagonista della miniserie Rai Sotto il Cielo di Roma – fosse stufa del ruolo della perfettina Eva innamorata di quello scapestrato di Marco Cesaroni (Matteo Branciamore) era noto da tempo, ma ora, per prendere meglio le distanze dal suo personaggio più amato, si concede un sensuale servizio fotografico per GQ. E parla male di Eva…

    E’ un personaggio lagnoso ma il vero problema è che lo conosco troppo bene, è prevedibile“: questo pensa Alessandra Mastronardi di Eva Cudicini (prossimamente in Cesaroni?), ruolo che l’ha fatta conoscere al grande pubblico in quella che è (stata?) una delle serie di maggior successo di Canale 5, I Cesaroni appunto. Da tempo Alessandra lamenta il peso di un personaggio che ormai le sta stretto, ma che finora non ha potuto abbandonare perché “avevo un contratto e non potevo andare via prima“, dice in un’intervista a GQ. Ora che però il contratto è scaduto è tempo di dire definitivamente addio a Eva, cercando per di più di farla dimenticare anche ai talent scout, che ai provbini in questi anni non hanno fatto altro che ripeterle “Ah, ‘sei quella cosa lì’…“.

    Io sono Alessandra, non Eva!” rivendica quindi a gran voce l’attrice, che annuncia un imminente trasferimento a New York (come fece il suo personaggio, n.d.r.) per studiare recitazione. E per staccare definitivamente il cordone ombelicale che l’ha legata a lungo a I Cesaroni mostra il suo lato più sensuale in un servizio fotografico proprio per GQ. Per Alessandra Mastronardi non è ancora arrivato il tempo di ‘smettere di sognare‘, ma il periodo ‘sotto il cielo di Roma’ sta per concludersi. La rivedremo presto in Romanzo Criminale 2 e ne Le Sorelle Fontana, poi la Garbatella sarà solo un piacevole ricordo.