Emmy Awards, Alec Baldwin censurato per la gag su Rupert Murdoch diserta la cerimonia

Emmy Awards, Alec Baldwin censurato per la gag su Rupert Murdoch diserta la cerimonia

    L’assenza di Alec Baldwin alla cerimonia di premiazione degli Emmy Awards 2011 ha scatenato una ridda di ipotesi sulle cause della sua assenza, alimentate da un tweet in cui ha denunciato di essere stato ‘censurato’ per uno sketch sugli scandali che hanno coinvolto Rupert Murdoch. Poche ore fa, però, Baldwin ha dato un’altra versione: la gag su Murdoch non c’entra nulla, non ha partecipato perché già impegnato con il compleanno del cantante Tony Bennett in quel di New York. In alto, invece, vi proponiamo di nuovo il video del numero di apertura degli Emmy 2011, con Jane Lynch che scorrazza tra i set delle serie tv più popolari (e che al posto di Baldwin duetta con Leonard Nimoy).

    Andiamo con ordine: alla vigilia degli Emmy Alec Baldwin ‘denuncia’ su Twitter di essere stato censurato dalla Fox: una sua gag sugli scandali di Rupert Murdoch, gran capo della NewsCorp, già registrata per essere mandata in onda durante la cerimonia degli Emmy, sarebbe stata stralciata. “Fox ha ucciso una mia battuta sul caso NewsCorp e le intercettazioni – ha scritto Baldwin – questa cosa fa schifo perché dopo la mia battuta sarebbero stati di nuovo benvisti, almeno un pochino di più. Ma – ha aggiunto l’attore con un altro cinguettio – capisco perché Newscorp ha ucciso la gag, se io fossi coinvolto in uno scandalo in cui ho intercettato le telefonate di famiglie di innocenti vittime di un crimine solo per profitto, vorrei anche io evitare di parlarne

    Casualmente, oppure no, Baldwin non ha presenziato agli Emmy nonostante il solito trionfo di nomination per 30 Rock: inevitabile il collegamento da parte di stampa e commentatori: piccato per la cancellazione del suo sketch, Baldwin ha disertato la cerimonia. E invece Baldwin fa di tutto per smentire questo ‘lapalissiano’ link: non è andato agli Emmy semplicemente perché impegnato a New York con l’85° compleanno del cantante Tony Bennett, fondatore della Exploring the Arts.

    Un impegno già preso in virtù del fatto che solitamente la cerimonia degli Emmy si teneva ad agosto; lo spostamento a settembre ha ‘scardinato’ la sua agenda e ormai era troppo tardi (o troppo scortese) dire no al party newyorkese.

    Bah, la scusa regge poco: voi che ne dite?

    404

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI