Aldo Busi contro Mariastella Gelmini a Piazzapulita: ‘Ma vada a lavorare!’ [VIDEO]

Aldo Busi contro Mariastella Gelmini a Piazzapulita: ‘Ma vada a lavorare!’ [VIDEO]

Scontro a Piazzapulita tra Aldo Busi e Mariastella Gelmini a partire dall'articolo 3 della Costituzione

    Busi vs Gelmini Piazzapulita

    Nuova telerissa in diretta ieri sera su La7 a Piazzapulita. Aldo Busi e Mariastella Gelmini non si sono risparmiati battute al vetriolo nel bel mezzo del dibattito legato all’annosa questione della giustizia. Lo scrittore, indignato dai riferimenti all’articolo 3 della Costituzione da parte dell’ex ministro, non ha esitato ad andare sul personale ricordando alla deputata Pdl i momenti meno fulgidi della sua carriera, giusto per usare un eufemismo. Corrado Formigli, già testimone della rissa tra Daniela Santanché e Mattia Mor, a stento ha contenuto la strabordanza oratoria dei due litiganti.

    La querelle tra Aldo Busi e Mariastella Gelmini è nata per un’insidiosa domanda di Corrado Formigli che metteva in parallelo la recente telefonata del Ministro Cancellieri per Giulia Ligresti con quella celeberrima del Cavaliere per Ruby Rubacuori. Come prevedibile, la Gelmini ha difeso il leader del suo partito: ‘Non ci sono persone di serie A e di serie B. Se diciamo che è un intervento per un caso umano, trovo trovo strano non le telefonate in sé ma il fatto che una procura ritenga che non c’è abuso d’ufficio e che in un altro caso la procura apra un procedimento e ci sia una condanna per…‘. Neanche il tempo di finire il pensiero che lo scrittore interviene provocatorio: ‘Non ho mai goduto come ora lasciandola parlare perché continua a darsi la zappa sui piedi. Starò zitto fino alla fine perché lei è perfetta‘. E quasi incurante l’ex ministro prosegue la sua invettiva contro l’ingiustizia perpetrata da alcune procure. In particolare, Mariastella Gelmini punta il dito contro chi ha affibbiato all’ex premier dei pensieri da evasore, nonostante la condanna definitiva per frode fiscale sia ormai un dato di fatto: ‘Chi ha firmato la compravendita no e la sua azienda no. Berlusconi mentre faceva il presidente del Consiglio… è una storia lunga… e rimanda ad una riforma della giustizia rispetto alla quale anche la sinistra comincia ad aprire… vuol dire che non ce la caviamo con ‘La legge è uguale per tutti’ perché poi vediamo che non è così‘.

    Non avesse mai pronunciato queste parole, visto che Aldo Busi si è rivelato un alfiere della Costituzione molto più di quanto si potesse immaginare: ‘L’articolo 3 è fondamentale, lei non può dire queste cose.

    E’ condannato con sentenza definitiva? Se ne vada fuori dai coglioni! Al più presto possibile! Via! Via! Via! Solo così l’Italia ha qualche speranza di rinascere! Non con questi discorsi contro la Costituzione. Lei non può remare contro la Costituzione‘. Inarrestabile, nonostante l’accusa di mal imitare Sgarbi, lo scrittore prosegue: ‘Io sono Aldo Busi e ho un pensiero, lei non guardi me. Guardi come si è laureata lei‘. Nessuna remora per l’esponente Pdl dalla quale apprendiamo di laurea in Legge con 100/110 a Brescia, ma il clou arriva dopo: ‘Lei è quella dei neurini nel Gran Sasso! Ministro della Cultura… ma vada a lavorare che è meglio!‘. Una conclusione alla quale si aggiunge l’appello ad eliminare i condannati dagli scranni parlamentari e che sembra aver riscosso successo tra molti followers su Twitter. Ecco il video della telerissa a Piazzapulita:

    589

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aldo BusiLa 7PiazzaPulita

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI