Alcatraz, breve stop alla produzione per lo show di JJ Abrams

A causa di alcune scene aggiuntive, Alcatraz ferma la sua produzione; nessun problema comunque per il nuovo ambizioso drama di JJ Abrams per FOX, che debutterà solo in midseason

da , il

    Alcatraz ferma la sua produzione, il nuovo ambizioso drama di JJ Abrams per FOX debutterà in midseason, e questo ha permesso lo stop indolore per girare nuovamente alcune sequenze ai sette episodi già girati, principalmente di qualche aggiunta alla fotografia senza’ incrinare’ le sceneggiature dello show.

    E’ una delle serie televisive più attese e promettenti della prossima stagione, ma come già Awake (NBC) anche Alcatraz fermerà la sua produzione per alcuni ritocchi: secondo Deadline si tratta principalmente di alcune aggiunte scenografiche che dovranno essere fatte per i sette episodi già girati. Non è chiaro quanto la produzione si fermerà, ma il sito americano spiega che appena finite le riprese aggiuntive per le sette puntate già pronte, verranno girate le sei nuove.

    Come già nel caso di Awake – la cui produzione è stata stoppata perché le sceneggiature sono complesse e gli autori (Killen e lo showrunner Howard Gordon, che lavora anche in Homeland di Showtime) hanno bisogno di tempo aggiuntivo per lavorarci su – anche Alcatraz (qui le foto e i video) ha una produzione più lenta visto il debutto in midseason, quindi lo stop non causerà problemi di sorta.

    Il nuovo show di JJ Abrams per FOX, lo ricordiamo, vede protagonista Sarah Jones nel ruolo di Rebecca Madsen, una detective del San Francisco Police Department che sulla scena di un efferato omicidio trova l’impronta di Jack Sylvane (Jeffrey Pierce), un criminale rinchiuso ad Alcatraz (dove sia il padre che lo zio Ray Archer/Robert Forster) della protagonista hanno lavorato) che dovrebbe essere morto da decenni.

    Le indagini della nostra sulla vicenda saranno ostacolate da Emerson Hauser (Sam Neill), che poi si unirà alle investigazioni al tecnico di laboratorio Lucy e al patito di fumetti nonché esperto del celebre carcere Diego Soto (Jorge Garcia); saranno loro quattro a scoprire che Sylvane è vivo, non è invecchiato di un giorno, continua ad uccidere… e potrebbe essere solo il primo di una lunga serie di galeotti di Alcatraz che riappaiono ai giorni nostri, una cosa di cui Hauser potrebbe essere consapevole ben da prima delle scoperte dei protagonisti.