Al Bano: “Lo schiaffo? Lo rifarei, per salvaguardare un mondo innocente”

Al Bano: “Lo schiaffo? Lo rifarei, per salvaguardare un mondo innocente”
    Al Bano: “Lo schiaffo? Lo rifarei, per salvaguardare un mondo innocente”

    Dopo aver trasmesso il servizio che ha immortalato lo schiaffo riservato da Al Bano a Christine del GF8 ai tempi della sua esperienza a Balls of Steel (e che potete rivedere qui), Striscia La Notizia ha consegnato al cantante un tapiro d’oro corredato di un bell’occhio nero. “Certe scene non ci dovrebbero essere”, ha detto Al Bano, “ho provato schifo nel rivedermi, ma lo rifarei, voglio salvaguardare almeno quel mondo che è ancora innocente“. In alto il video della consegna del tapiro.

    Un’intervista che è partita con calma e che stava per trasformarsi in un altro round ai danni di Valerio Staffelli, che nonostante le provocazioni è riuscito a tornare a casa senza lividi.

    Al Bano smentisce di aver colpito la ragazza e di aver rivolto il “cartone” al microfono fallico, rivendicando, in un certo senso, la liceità del gesto. “Hai visto di che cosa si trattava?” ha chiesto a Staffelli ” Tu l’hai scambiato per un microfono? Me l’hanno messo davanti alla mia faccia di fronte a dei bambini… A me ha procurato un grandissimo fastidio perché c’erano dei bambiniIo ho un’etica, mio padre mi ha segnato un’etica, la gente dove sono nato e cresciuto mi ha dato un’etica e io la voglio difendere”.
    Beh, ci venga perdonato il commento personale nel bel mezzo di un articolo, ma schiaffeggiare una donna è invece esemplare per un bambino?

    Ma andiamo avanti, con l’ammissione di Al Bano, che ha dichiarato di aver provato “schifo” nel rivedersi. Staffelli coglie l’occasione per incalzare il cantante verso delle scuse, che però vengono prontamente evitate, visto che Al Bano corregge immediatamente la rotta. “Certe scene non dovrebbero succedere” ammette “ma non ci dovrebbe essere la possibilità di provocare. Lo rifarei ancora se vedessi la scena così come l’ho vista perché voglio salvaguardare almeno quel mondo che è ancora innocente!” e non si scusa dicendo che le mani erano sul microfono.
    Anche qui ci venga concessa un’annotazione: se anche non l’avesse colpita, la scena mostrata non perderebbe la sua connotazione violenta.

    Cogliamo l’occasione per farla rivedere nel video in basso.

    Chiede infine un’intervista a due, un confronto con Christine, al momento chiusa nella Casa del Grande Fratello. Non dubitiamo che Striscia aspetterà come un falco la concorrente all’uscita dalla Casa per chiederle lumi sull’accaduto ed esaudire il desiderio di Al Bano.

    Un’ultima precisazione, d’obbligo considerato il tono di alcuni commenti giunti al nostro sito in relazione agli articoli precedenti sul “caso”: non ce l’abbiamo con Al Bano, grandissimo artista ed eccezionale cantante che rappresenta l’Italia in gran parte del mondo, dove riscuote il meritato successo. La sua fama e la sua caratura, però, il suo essere amato dal pubblico dagli 0 ai 100 anni, rendono ancor più spiacevole e da condannare il suo gesto, qualsiasi sia la ragione che l’hanno spinto a compierlo, visto che per molti è un modello, un esempio, come lui stesso riconosce. Inutile precisare che i tanti anonimi che lo fanno quotidianamente sono ugualmente da condannare, sempre e in ogni caso. L’”aggravante” per Al Bano è che è un personaggio pubblico, perennemente sotto i riflettori: un onore che pochi hanno ma che comporta molti oneri.

    781

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI