Agon Channel, Antonio Caprarica e Francesco Becchetti: la polemica continua

Agon Channel, Antonio Caprarica e Francesco Becchetti: la polemica continua

Antonio Caprarica contro Francesco Becchetti: continua la polemica tra il proprietario di Agon Channel e l'ex direttore delle news

    Agonchannel

    La polemica tra Antonio Caprarica e Francesco Becchetti non conosce sosta: Agon Channel è al centro del botta e risposta tra i due dopo l’addio dell’ ex direttore delle news. Dopo le dichiarazioni di Francesco Becchetti, durante un’intervista rilasciata a Malcom Pagani sul Fatto quotidiano, secondo il quale Antonio Caprarica avrebbe fatto delle richieste assurde al proprietario della rete televisiva albanese sbaracata sugli schermi italiani il 26 novembre 2014, come ‘l’iPad di ultima generazione, lo scaldapane 2.0 e naturalmente le ciabattine scendiletto per lui e per sua moglie’, adesso è proprio l’ex direttore che vuole dire la sua, senza rispamiare un colpo.

    Continua il botta e risposta tra Caprarica e Becchetti: destinata a non conoscere, almeno per il momento, la parola fine, la querelle tra il proprietario di Agon Channel e l’ex direttore delle news va avanti attraverso interviste e smentite. Dopo che Becchetti ha storpiato il cognome di Caparica aggiungendo una ‘c’ (Capraricca), per via delle richieste pervenute da parte di quest’ultimo per poter svolgere al meglio la professione, adesso il giornalista ha deciso di replicare e dire la sua versione attraverso una lettera a Libero.

    Caprarica si sente tirato in ballo ingiustamente solo per poratre pubblicità all’emittente televisiva, ma non si ferma qui aggiunge anche che la sua scelta di lasciare il suo posto è legata alla mancanza di poter dare veramente le news, come è successo, dopo il suo abbandono, quando bruciava il Norman Atlantic, e la rete mandava in onda ‘repliche di giochini’. Aggiungendo, inoltre, che i suoi legali si stano già occupando del caso per via delle dichiarazioni di Becchetti definite infamanti per via di richiesta di alcuni oggetti, ha terminato la sua lettera informando tutti di aver rinunciato al contratto per poter tenere alta la sua professionalità, visto che mancavano sia il personale che gli strumenti necessari per fare un telegiornale di alto livello.

    La querelle non sembra però destinata a chiudersi qui: Agon Channel è nella bufera per queste dichiarazioni. Restiamo in attesa di scoprire quale sarà la prossima mossa dei due.
    gennaio

    Aggiornamento dell’8 gennaio 2015 a cura di Francesca Ajello

    Agon Channel, per Antonio Caprarica salta il contratto: addio alla TV di Becchetti
    Francesco Becchetti avrebbe addirittura chiesto ad Antonio Caprarica di fare il giudice in un talent show di Agon Channel, così il giornalista ha fatto le valigie ed è andato via. Inaccettabile per l’ex corrispondente Rai da Londra mettersi in gioco così tanto. L’imprenditore gli replica a muso duro: è abituato al grasso che cola.

    Quindi, un contratto ad Agon Channel, canale 33 del digitale terrestre, è già saltato (e non è il programma TV condotto da Sabrina Ferilli. A proposito: poco ci manca?). Chiamato per dirigere le news nel nuovo canale albanese che trasmette in Italia, Caprarica ha rinunciato all’incarico dopo sole due settimane dall’ ‘investitura’.

    Altro che TV del futuro: “TV delle repliche”, sbotta amareggiato in una nota stampa, “lavoriamo nei container”, senza gli strumenti e il personale adeguati a fare informazione, dice. Becchetti, infuriato gli risponde con sete di rivalsa: “dichiarazioni inaccettabili e gratuite”, per Agon Channel si tratta di “delicata fase di start up“, fa sapere. Questo ieri.

    Il giornalista replica nuovamente sulla Stampa di oggi: “La goccia che ha fatto traboccare il vaso? Poiché il TG non è in diretta l’11 dicembre ho annunciato la precettazione dei ferrovieri, che però era stata revocata mezz’ora prima. Poi – aggiunge – mi sono dovuto rifiutare di fare il giudice in un talent sul giornalismo, montato da un giorno all’altro per riempire i palinsesti, con i provini raccolti in magazzino”.

    Caprarica denuncia, Becchetti replica, la redazione di Agon News dice la sua e si mette dalla parte dell’imprenditore: “gravi dichiarazioni”. La totalità dei collaboratori “respinge con decisione il tentativo di denigrare il progetto televisivo”, perché, spiegano i redattori in una nota stampa, “la rappresentazione che Caprarica fa delle nostre strutture ha del folkloristico” e “rappresenta la preistoria”, si aggiunge poco dopo.

    Antonio Caprarica intervistato oggi dalla Stampa non nega né conferma le conseguenze economiche derivate dalla rescissione del contratto: “Non erano stati i soldi a spingermi di accettare: da vecchio cronista (63 anni ndr) mi ero entusiasmato all’idea di fare qualcosa di nuovo, con i giovani, invece è stato un bluff”.

    Dunque, perché agli altri non tocca lo stesso destino? “Ho potuto permettermi il lusso di andarmene, altri magari non possono farlo”, spiega. Agon Channel “è allo sbando” e “lo dimostrano tante edizioni saltate”. La verità come sempre sta nel mezzo? Oppure oltre a un canale c’è di più? Chissà cosa ne pensa Alessio Vinci.

    857

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI