Affari tuoi: il Codacons controlla i pacchi su richiesta della Rai

L'associazione dei consumatori, dopo anni di esclusione e battaglie legali, è intervenuta per garantire la trasparenza del game show e sarà presente nella puntata di lunedì 23 gennaio 2017

da , il

    Affari tuoi: il Codacons controlla i pacchi su richiesta della Rai

    Ad Affari tuoi interverrà il Codacons per controllare i pacchi su richiesta della Rai nella puntata di lunedì 23 gennaio 2017. L’associazione dei consumatori è stata chiamata ad intervenire proprio dai vertici della tv pubblica, dopo anni di esclusione e battaglie legali, per garantire la totale trasparenza e correttezza del gioco a premi preserale condotto da Flavio Insinna. Nello specifico, il Codacons ha chiesto di poter verificare che nella stanza dove avviene l’abbinamento pacchi-premi sia presente solo il notaio.

    Affari tuoi vedrà il Codacons partecipare alla trasmissione per controllare i pacchi, in modo da constatare la totale correttezza nello svolgimento del game show del primo canale e delle fasi che lo precedono. La richiesta è arrivata dopo una lunga battaglia legale per la trasparenza in favore dei consumatori avviata dall’associazione, che in passato aveva anche trascinato la Rai in tribunale a causa di alcune anomalie riscontrate nei pacchi-premio in fase di svolgimento del gioco.

    La risposta non si era fatta attendere e aveva avuto risvolti inaspettati e distinti. La Rai infatti, a seguito di alcune segnalazioni, in una prima fase aveva impedito al Codacons di partecipare al programma, mentre di solito, tutte le altre associazioni dei consumatori prendono parte alla trasmissione ogni sera, inviando un proprio rappresentante in qualità di garante.

    Un nuovo capitolo della vicenda però sta per essere scitto: questa situazione piuttosto difforme infatti terminerà a partire da questa sera, lunedì 23 gennaio 2017. Nella prossima puntata, a tal proposito, vedremo l’avvocato Vincenzo Rienzi nel ruolo di rappresentante legale del Codacons, il quale porterà avanti dall’interno la battaglia avviata anni fa.

    L’oggetto principale della verifica riguarderà in particolare un aspetto, la cui dinamica è già stata confermata dalla Rai in via informale: l’abbinamento tra i pacchi e i premi. Secondo i rappresentanti della tv pubblica in questo delicato momento della preparazione del gioco sarebbe presente solo il notaio. Il Codacons ha fatto sapere che chiederà, tramite il proprio rappresentate in studio, di prendere visione della ‘stanza dei pacchi’ in cui il tutto si svolge, poco prima che il notaio entri. Tale procedura sarà volta a controllare e a confermare che, nel momento dell’abbinamento dei premi con le rispettive regioni, nessuno vi acceda a parte lui.

    Che questa sia la parte finale della sfida legale iniziata anni fa tra Codacons e Rai? Questa eventualità sarebbe plausibile nel caso in cui non venissero riscontrate irregolarità dal rappresentante dell’associazione dei consumatori.