Adriano Celentano sindaco di Milano?

Adriano Celentano sindaco di Milano?

Adriano Celentano candidato sindaco di Milano da Maria capanna durante la presentazione del suo ultimo libro: si fa sul serio?

da in Adriano Celentano, Attualità, Personaggi Tv, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Investitura politica per Adriano Celentano, che oggi ha partecipato alla presentazione dell’ultimo libro di Mario Capanna, Per Ragionare – &0 domande sul nostro futuro: a lanciare la candidatura del Molleggiato a sindaco di Milano proprio l’amico Capanna. E il ragazzo della via Gluck non si tira indietro, o quasi. “Sarebbe molto divertente” risponde Celentano, che in fin dei conti una sorta di programma amministrativo ce l’ha già, tutto ispirato ai suoi ideali ambientalisti e alla sua lotta contro gli eco-mostri: “Per appassionare la gente a un progetto si potrebbe buttare giù Milano, almeno quella brutta” il primo punto del ‘decalogo’ del Molleggiato. In alto un estratto della presentazione.

    Una boutade, una provocazione o una vera investitura politica? La ‘proposta’ di Mario Capanna potrebbe avere un fondamento politico e potrebbe davvero vedere Adriano Celentano, milanese doc – della Via Gluck, per l’appunto -, a Palazzo Marino, sede dell’amministrazione comunale del capoluogo lombardo. Il tutto nasce alla presentazione dell’ultimo libro di Mario Capanna, cui presenzia – in una veste finora inedita – proprio Celentano, amico dell’autore. E la ‘proposta’ di Capanna fa breccia nel molleggiato, che per la rinascita di Milano ha come progetto la sua ‘rifondazione’. Una città senza identità, in cui manca “la musica delle persone”: “I milanesi dovrebbero unirsi nel distruggere e rifare la città – dice il Molleggiato – a uso dell’uomo e non viceversa, come accade in questa“. “Bisogna rifare le cose da capo - insiste Celentano - come una lettera che arrivato in fondo rileggi per farla scorrere bene.

    Dobbiamo riscrivere la lettera della storia perché il mondo è una lettera e ci sono segni che ci mettono paura come il vulcano che offusca il cielo, il petrolio che rovina il mare e allora come si va avanti così?“.

    Come iniziare? Magari con un referendum per decidere il destino di alcuni grattacieli della città, in vista anche dell’Expo 2010, come il nuovo Pirellone “che non è brutto, ma lo è piazzato lì, vicino alle case“, dice Celentano. Che dite? Si presenterà alle elezioni comunali?

    370

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Adriano CelentanoAttualitàPersonaggi TvPolitica