Addio a Carlo Peroni “Perogatt”, è morto il papà di Calimero

Addio a Carlo Peroni “Perogatt”, è morto il papà di Calimero

Addio a Carlo Peroni Perogatt, il papà di Calimero

    calimero ingiustizia

    È morto ieri a Guanzate, in provincia di Como, Carlo Peroni in arte Perogatt, il fumettista papà di personaggi mitici come Calimero, Draghiottino, Slurp, Gianconiglio, Zio Boris, Nerofumo e l’ispettore Perogatt. La notizia è stata data dalla sua famiglia sulla pagina Facebook dell’82enne: ‘Non ha sofferto, è volato via in un attimo breve come il battito d’ali d’una farfalla che vola sorridente verso un luogo felice‘. Perogatt realizzò il primo Carosello con protagonista il piccolo pulcino nero amatissimo dal pubblico di ogni età.

    Nato a Senigallia nel 1929, Peroni inizia la sua carriera nel 1948 collaborando con la rivista delle Edizioni Paoline dedicata ai più piccoli: Il Giornalino. Ma i suoi personaggi sono comparsi in altre riviste dedicate ai giovanissimi italiane e straniere: Il Vittorioso, il Corriere dei Piccoli, Sonny, Tilt, Slurp!, Guerin Sportivo e Bild Zeitung. Non solo il cartaceo, Perogatt ha anche collaborato con la Rai per la produzione del mitico show Carosello, tanti i suoi personaggi: Calimero, Silvanella, Billo e Tappo, Paciocco e restano memorabili le sigle tv (per programmi come Zitti e Mosca, Slurpiamo!, La città dei consumi).

    Aveva scritto anche numero libri e opuscoli: Uffa, Charlie Brown quanto rompi, Zio Boris, 30 anni di fumetti e Anche i robot hanno un cuore. Il pubblico lo ricorderà chiaramente per il pulcino nero perseguitato per il suo colore diverso, disegnato e ritratto anche nel mitico spot dei saponi Lanza, ecco la nascita del mitico Calimero:

    La mitica pubblicità di Calimero venne in mente alla casa produttrice di saponi, la Mira Lanza, ma grazie al miracoloso detersivo torna a essere bianco e pulito e la mamma lo riconosce. Dopo quello spot il successo di Calimero diventa internazionale, si produce un cartone in Giappone negli anni ’70 e una nuova serie negli anni ’90. Grande appassionato di Internet, aveva vinto numerosi premi tra cui quello alla carriera nel 2003 e al sito italiano nel 2004 a TorinoComics 2004 per il suo sito web. Ecco la mitica sigla del cartone animato dedicato al pulcino più tenero del mondo creato da Perogatt:

    Abbiamo ricevuto questa precisazione da Marco Pagot:
    Sono Marco Pagot, figlio di Nino e nipote di Toni Pagot
    Devo correggere una grave inesattezza: il Sig Peroni: non è né “papà”, né creatore, né autore del personaggio Calimero. Nino e Toni Pagot.

    con Ignazio Colnaghi sono gli unici autori del personaggio Calimero e ,in particolare; l’immagine grafica del personaggio è opera di Nino e Toni Pagot.

    La versione del sig. Peroni circa la presunta paternità del personaggio, non trova riscontro nella realtà.
    La prima stagione caroselli Calimero venne definita in una riunione dei Pagot con Mira Lanza nell’autunno ’62 e il deposito alla FIP (Federazione Italiana Pubblicità) reca la data del 9 novembre 1962. Il sig. Peroni venne assunto, in veste di animatore, alla PagotFilm, solo nel 1963, come da sua stessa dichiarazione, ben dopo la creazione del personaggio. Questo non è “il punto di vista dei detentori dei diritti” ma una ricostruzione, suffragata da testimonianze dirette e da documenti, volta a ristabilire la verità

    588

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cartoni AnimatiRaiRai 1