AAA Secchioni cercansi per la nuova edizione de La Pupa e Il Secchione

Mancano i secchioni per dar vita alla seconda edizione de La Pupa e Il Secchione

da , il

    I Secchioni della prima edizione

    Dopo il clamoroso successo della prima (e finora unica) edizione datata autunno 2006 La Pupa e Il Secchione non è più tornato sugli schermi tv. Tra gravidanze (della conduttrice Federica Panicucci) e strategie di palisesto la seconda edizione è stata più volte annunciata per essere prontamente smentita. I motivi? Non si riescono a trovare i secchioni!

    Verrebbe da dire che non ci sono più i secchioni di una volta, un po’ bruttini, molto timidi e decisamente imbranati se è vero che dall’estate scorsa i casting, curati dalla Premiere Produzioni, non hanno dato i risultati sperati. Il tour che ha girato i centri commerciali e le discoteche dal 2007 si è interrotto lo scorso febbraio a causa delle incertezze legate al futuro della trasmissione, che però già qualche tempo fa Luca Tiraboschi, direttore di Italia1, non aveva dato per dispersa. Anzi, si vocifera da tempo di un passaggio sull’ammiraglia Mediaset che però Massimo Donelli, direttore di Canale 5, non conferma e non smentisce.

    Il problema maggiore sembra essere proprio quello del reclutamento dei secchioni, poco inclini a presentarsi nelle discoteche, luogo d’elezione per i casting itineranti. Se le Pupe piovono, i Secchioni preferiscono non frequentare posti a loro ‘estranei’: non a caso, come ricorda Tv Sorrisi e Canzoni, per la prima edizione la strategia era stata ben diversa, con ‘talent scout’ mandati nelle Università, nei circoli studenteschi, su siti Internet frequentati dal ‘target’ ricercato. Si pensava che il successo tv avrebbe sciolto i ‘nerds’ italiani spingendoli a varcare la temuta soglia dei locali notturni e invece niente. Ma c’è di più. A sentire i racconti dei sopravvissuti non sembra ci sia molto di cui stare allegri: se per le Pupe si è aperto il dorato mondo delle feste modaiole, delle paparazzate estive e del gossip, i maschietti reduci dall’esperienza patinata hanno avuto difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro. E’ quello che è capitato, ad esempio, a Tommaso Accinelli, uno degli ultimi ad entrare nel cast della prima edizione, rifiutato a due colloqui non appena riconosciuto come concorrente del reality. Non è cambiato molto neanche per Omar Monti, vero beniamino del pubblico finito a fare da testimonial alle patatine come alter ego di Rocco Siffredi e ora tornato a lavorare in pizzeria. Continua, come prima, ad occuparsi di enigmistica e a collaborare con giornali e riviste del settore. La sensazione diffusa tra coloro che hanno fatto dello studio la propria principale attività e che si sono prestati al gioco è quella dello sfruttamento: alla fine l’immagine emersa è stata ben lontana dalla funzione cui erano stati chiamati, ovevro educare le formose e svampite (per non dire ignoranti) pulzelle. “Abbiamo fatto la figura dei bischeri - spiega Monti – e più di una volta abbiamo pensato di abbandonare in blocco il programma. Ci hanno trattenuto le penali previste dal contratto“. Omar ora è in causa con chi ha sfruttato la sua immagine (non spiega chi, ma si può immaginare), ledendo la sua reputazione e la sua dignità. Dello stesso avviso anche gli altri partecipanti che in fin dei conti sono tornati alle loro vite. A Dario Del Monte (25 anni, single), mancano due esami per la laurea in medicina, Alessandro Rampinelli (31 anni, di nuovo single) è tornato a fare l’ingeniere all’Eni, Francesco Pace (28 anni, single) è stato promosso nell’azienda d’informatica nella quale lavorava, Fabio Spinò continua a frequentar parrocchie e studia per laurearsi in Storia. Meglio è andata a Giuseppe Congedo (26 anni) fidanzato con una Pupa e prossimo alla laurea in fisica e ad Alessandro Sala, il vincitore (ora di nuovo single), che ha investito i 200.000 Euro vinti in Borsa.

    Con queste premesse, però, raccogliere dei nuovi e ‘veri’ secchioni sarà davvero difficile. Ad ogni modo a giugno la Premiere riprenderà il tour: nuove vittime delle Pupe cercansi.