A Vanguard armi, baby gang e integrazione

A Vanguard armi, baby gang e integrazione

Due nuove inchieste per Vanguard: si parte stasera con un viaggio nella Fiera delle Armi più grande del mondo per approdare domani alla svolta sociale delle baby gang latine in Italia

    Vanguard, due nuove puntate su Current

    Nuovo doppio appuntamento con le inchieste di Vanguard, l’approfondimento giornalistico a base di reportage dei Vanguard Journalist Usa e italiani, in onda alle 23.00 su Current (canale 130 di Sky). Si parte stasera con Licenza di Uccidere, viaggio nell’America a mano armata, e si continua domani con le baby gang latine in Italia, le cosidette pandillas.

    Il doppio appuntamento settimanale di Current con Vanguard si apre stasera con la prima parte del reportage Licenza di Uccidere (la seconda in onda martedì 19 maggio), un viaggio nell’America delle armi. Si parte da Knob Creek, la città più pericolosa del Kentucky, dove due volte l’anno si tiene la più importante Fiera delle Armi degli Stati Uniti. Migliaia di famiglie, con nonni e bambini, si aggirano tra pistole, mitragliatrici, fucili d’assalto, lanciagranate e bazooka in bella mostra al World’s Largest Machine Gun Shoot and Military Gun Show: gli appassionati di tutte le età, entusiasti, si mettono ogni anno in lista per prenotare un posto al festival, dove chiunque può sparare in appositi spazi e acquistare armi secondo le norme previste dalla legge americana.
    A discuterne in studio con Davide Scalenghe ci saranno il senatore Franco Orsi (Pdl), Antonio Dell’Olio di Libera e Carlo De Blasio, giornalista di Rai News 24.

    Nella puntata di mercoledì, dedicata ai temi italiani, si parla d’Italia multietnica, partendo dal fenomeno delle baby gang latine che stanno confluendo in associazioni di supporto agli immigrati, perdendo progressivamente la connotazione criminale. Con un reportage inedito, Vanguard cerca di fare luce sui lati oscuri dell’integrazione dei gruppi latino americani del nostro Paese. Un viaggio che parte dalle periferie di Genova e Milano tra i latinos, italiani di seconda generazione, che “chiedono allo Stato di essere qualcuno”. In Italia, diversamente da quanto accade in altre nazioni, le bande di pandillas hanno siglato una tregua.

    Niente più risse, accoltellamenti, stupri punitivi e sangue. Con l’aiuto dell’Università italiana questi gruppi si trasformano in organizzazioni di strada e non più organizzazioni criminali.
    In studio con Vito Foderà ci saranno Matteo Milanesi, operatore sociale della cooperativa Codici, e David, fondatore del movimento dei Latin Kings a Milano.
    Quello di Vanguard si conferma essere uno sguardo diverso: un alto modo di guardare l’attualità.

    444

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI