A tutto talent-show: Rosso Alice lancia Area 24

A tutto talent-show: Rosso Alice lancia Area 24

Il talent show dominano i palinsesti: Rosso Alice lancia Area 24, web contest con format tv per band emergenti

    Il sito di Area 24

    La stagione tv 2007/2008 verrà ricordata per l’ondata di talent-show che stanno invadendo i palinsesti: dopo l’antesignano Amici, dopo Talent1 e il prossimo XFactor anche le piattaforme IPTV si dedicano alla ricerca di promesse musicali. Inaugura la via Rosso Alice, con Area 24, web music contest per band musicali emergenti.

    Non bastava la vetrina web di MySpace: ora Rosso Alice, il portale a banda larga di Telecom Italia, lancia Area 24, un concorso musicale riservato a band sconosciute di qualunque genere musicale. Un vero e proprio format tv trasferito sul web e ambientato in uno studio di registrazione, che mescola Castrocaro, Amici e Grande Fratello.

    Per partecipare bisognerà collegarsi al sito www.rossoalice.it e iscriversi, compilando il form disponibile e inviando un demo in formato mp3 entro e non oltre il 14 marzo. Condizione necessaria non avere alcuna forma di contratto o accordo con case discografiche o editoriali.

    Una giuria di qualità, composta da esperti del settore (giornalisti, musicisti, producer), vaglierà le proposte inviate e selezionerà 24 gruppi che si contenderanno la vittoria nel corso di 10 puntate, registrate dal vivo in uno studio e trasmesse con cadenza settimanale per il pubblico web del portale Rosso Alice. La band vincitrice potrà poi esibirsi nei maggiori festival musicali italiani, accanto ai big della musica.
    L’obiettivo prefissosi da Area 24 è quello di diventare uno spazio di sperimentazione e di visibilità per gli artisti e la musica di domani ed offrire ai giovani una vetrina alternativa ai canali tradizionali.

    La domanda però nasce spontanea: in una situazione difficile come quella del mercato discografico, non solo italiano, che ha spinto le major a licenziare artisti di gran calibro perchè improduttivi o scarsamente redditizi, che senso ha offrire una vetrina (e una speranza) a giovani di belle speranze ma di incerta riuscita? Non sono bastati gli esperimenti di PopStar e Operazione Trionfo? Possibile inoltre che i talent siano divenuti l’unica risorsa per la tv generalista? Francamente questa ondata ci sembra eccessiva.

    498